lunedì, Marzo 25, 2019
Home > Attualità > Caso biblioteca “Barrili”, gli studenti: “Soddisfatti del colloquio con l’assessore”

Caso biblioteca “Barrili”, gli studenti: “Soddisfatti del colloquio con l’assessore”


di MICHAEL TRAMAN - 9 Gennaio 2019, 11:33

Il colloquio di ieri con l’assessore alla cultura del Comune di Savona Doriana Rodino ha soddisfatto gli studenti. “Abbiamo presentato le nostre istanze e abbiamo percepito la volontà di venirci incontro. Per tornare a un orario in linea con il precedente ci vorrà qualche mese. Il comune deve reperire i fondi necessari e attendere l’approvazione del bilancio. Solo allora, a marzo, sarà possibile indire un bando per le nuove assunzioni di personale”, spiega la portavoce Erika Pepe, che continua: “Abbiamo quindi proposto delle soluzioni alternative, che l’assessore ha preso in considerazione”.

La prima proposta è quella di modificare la distribuzione dei periodi di apertura e di chiusura: al posto di avere giornate “part time” la richiesta è che le aule per studiare possano rimanere aperte con orario continuato per quattro giorni (dal lunedì al giovedì, per esempio) e chiuse completamente nelle altre tre giornate. Quattro giorni pieni rappresentano infatti un arco temporale migliore. “In merito a questa proposta, il Comune valuterà con i responsabili della biblioteca”. La seconda, invece, è quella di trovare uno spazio nel centro cittadino che possa sostituire la biblioteca di Monturbano, la capienza necessaria sarebbe di 100 posti circa. Oltre alla posizione, che dovrebbe essere per ragioni di spostamento centrale, gli studenti si auspicano che possa essere “riscaldata e con la connessione Wi-Fi, per poter utilizzare gli strumenti tecnologici ormai indispensabili per lo studio universitario e non solo”.

Una questione che sta facendo molto parlare e che ha anche suscitato la solidarietà del mondo dell’impreditoria. “Un’azienda under 30 del nostro territorio ha addirittura proposto un contributo economico per sostenere lo spostamento temporaneo in un’eventuale sede alternativa”, ha concluso Eirka Pepe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *