lunedì, Marzo 25, 2019
Home > Attualità > Caso biblioteca “Barrili”, le parole dell’assessore Rodino dopo l’incontro con gli studenti

Caso biblioteca “Barrili”, le parole dell’assessore Rodino dopo l’incontro con gli studenti


di MICHAEL TRAMAN - 8 Gennaio 2019, 18:03

Nel primo pomeriggio di oggi si è svolto l’incontro tra i rappresentanti del gruppo di protesta per la riduzione dell’orario della biblioteca civica “Barrili” di Monturbano, Erika Pepe e  Giulia Noghera, l’assessore alla cultura Doriana Rodino, la dirigente del settore Marta Sperati e il direttore della biblioteca Marco Genzone.

“Abbiamo ascoltato le esigenze e le proposte dei rappresentanti degli studenti,” –  afferma l’assessore Rodino – “in sostanza hanno richiesto una modifica dell’orario passando da 5 a 4 giorni di apertura a orario continuato. Della fattibilità di questa proposta se ne occuperanno il direttore e la dirigente. Si faranno le opportune verifiche con l’ufficio del personale per capire se è una strada percorribile”.

Per superare questo periodo di orario ridotto (in attesa di sapere se verranno concesse a bilancio le risorse richieste per tornare all’orario consueto), gli studenti hanno illustrato le loro esigenze di trovare una sede alternativa con caratteristiche analoghe all’attuale sala di studio (che consta di 99 posti) in zona centrale. Anche su questo punto l’assessore si è dimostrato disponibile a trovare una soluzione: “Ci attiveremo anche in questo senso per identificare luoghi con le caratteristiche da loro  richieste eventualmente disponibili. Prima della riunione ho parlato con il prof. Federico Delfino che ha ribadito la disponibilità del Campus ma la sua offerta non soddisfa le esigenze degli studenti”. La soluzione del Campus non sarebbe gradita agli studenti però, in quanto “lontano dal centro, problemi di mobilità e privo di in luogo per consumare pasti propri al coperto”.

L’assessore ha poi concluso: “Le cellette sul Priamar sono confermate per la prossima estate (saranno aperte da metà luglio a metà settembre). L’occasione non è stata delle più felici per conoscersi ma sono favorevolmente colpita da questi giovani savonesi amanti della cultura e disposti a mettersi in gioco per difenderla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *