mercoledì, Dicembre 11, 2019
Home > Musica > Cattivi Maestri: inizia alla grande la stagione teatrale alle Officine Solimano

Cattivi Maestri: inizia alla grande la stagione teatrale alle Officine Solimano

Splendido successo di pubblico e critica al debutto in questi giorni presso il teatro dei Cattivi Maestri alle Officine Solimano di Savona. E’ andata in scena un’opera grottesca di un grande autore del teatro del novecento,rivisitata in modo sorprendente per la regia dei Cattivi Maestri e superbamente interpretata da MariaTeresa Giacchetta, Gabriele Catalano, Francesca Giacardi e Jacopo Marchisio: un dramma in atto unico scritto da Friedriech Dùrrenmatt.

Si tratta di un testo teatrale molto intenso, che affronta il tema dello studio sui fisici, in cui le voci degli attori e i loro repentini cambi d’identità e ruoli si susseguono come in un gioco di scatole cinesi. Lo spettacolo “Lo strano caso dei tre folli fisici e della fine che fecero le infermiere che li amavano” è prima di tutto un dramma sulle responsabilità civile della scienza; fino a che punto è lecito a uno studioso portare avanti e divulgare ricerche che, se da un lato arricchiscono le conoscenze umane dall’altro possono essere fonte di massacri e tragedie? Il dilemma e sempre vivo. Tutto lo svolgersi dello spettacolo è racchiuso nella loro breve prefazione: Spifferi di vento soffiano sinistri, voci e rumori lontani si accavallano come in una sinfonia spettrale… una figura diafana si aggira tutt’intorno… ma ecco, all’aprirsi del sipario, che quando sembrava il preannuncio di un mondo di fantasmi e misteri appare trasformato in un’immagine di limpida razionalità: un sanatorio svizzero perfettamente organizzato un’infermiera efficiente, un poliziotto che indaga con cura. Che cosa è successo? Dove siamo in realtà? Chi abbiamo di fronte? Nel reparto speciale di una clinica psichiatrica sono rinchiusi tre scienziati ormai impazziti, convinti di essere rispettivamente Einstein, Newton e uno stretto interlocutore di Re Salomone. Ma è davvero così? Perchè le infermiere del sanatorio muoiono come mosche? Che cosa nasconde la direttrice?
Grottesco è il continuo spiazzante cambiamento di toni e di stili che stanno alla base di questo magnifico allestimento, che gli attori interpretano in modo superlativo, una commedia che racchiude in se tutto quanto viene richiesto in termini di recitazione agli attori, con un crescente susseguirsi di suspense, da dialoghi e gestualità espressive, ed arrivare a una teatralità intensa e graffiante, che lascia gli spettatori estasiati e stupiti per un rappresentazione che esalta e rende grande il valore non solo culturale di un pur sempre spettacolo o commedia teatrale.
Alla bravura degli interpreti e alla bellezza della commedia i moltissimi e fortunati spettatori hanno tributato lunghissimi e ripetuti applausi, significare che lo spirito, l’amore, la dedizione, il sacrificio e l’impegno costante, che la compagnia dei Cattivi Maestri è riuscita a dare in termini di teatro-cultura alla comunità savonese è molto apprezzata. Siamo certi che sapranno regalarci, ora che dispongono di uno spazio tutto loro, altre commedie ed altri spettacoli sempre più importanti per dar seguito alla profonda passione teatrale dei savonesi e non solo. Bravi,veramente bravi, e grazie agli attori e alla Compagnia per averci regalato oltre un’ora grande teatro.

P. A. Perino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *