martedì, Agosto 20, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cattivi pensieri

Cattivi pensieri

Vorrei una chiesa che condannasse più gli evasori che i divorziati. Vorrei che per l’opinione pubblica gli evasori fossero dei Ladri e non dei Furbi, e che come Ladri fossero perseguiti in modo più efficace. Vorrei un governo che invece di togliere l’Imu a chi ha una casa ai Paroli, o peggio ancora, a chi ne ha una a Milano ed una ad Alassio che risultavano, con qualche escamotage, entrambe Prima Casa, non aumentasse l’Iva alla povera gente che paga (o non paga perché non può) l’affitto e non ce la fa a tirare avanti. Vorrei un governo che l’Iva la diminuisse sui generi alimentari e la aumentasse magari su oro, pellicce e auto di cilindrata superiore ai 1300 cc. Vorrei più operai e meno impiegati pubblici. Vorrei padri che dicessero ai figli che meglio un bravo operaio che un cattivo avvocato o ingegnere e che chi lavora, qualunque lavoro faccia, non ha mai le mani sporche.

Vorrei che i  sindacati dicessero che il disastro ambientale dell’Ilva di Taranto è stato certamente incrementato dalla gestione dei Riva, ma è nato ben prima, ai tempi dell’Italsider (e quindi Finsider e quindi Iri) con la corresponsabilità loro e di tutti gli Enti pubblici preposti a vigilare  che si sono dimostrati incapaci, inefficiente e quindi conniventi. Vorrei anche però, che si cercasse di non distruggere la siderurgia nel nostro paese, con conseguenze sociali facilmente immaginabili, ma difficilmente immaginabili, ma difficilmente controllabili. Vorrei una magistratura che non si facesse prende re in giro da Ruby, che non facesse spendere agli italiani tanti soldi per il suo inutile processo, e che invece si domandasse chi sarà mai che si è tanto adoperato perchè la povera ragazza dicesse oggi il contrario di quello che ha dichiarato due anni fa. Vorrei che Floris, Formigli, Santoro e Vespa la smettessero di ospitare nelle loro trasmissioni, sempre gli stessi politici a fare sempre gli stessi discorsi, fare sfoggio dei loro bei vestiti e del loro “Sotuttoio”. Vorrei che i politici chiedessero scusa a noi italiani per quello che ci hanno fatto, dimostrando solo incapacità, presunzione e talvolta disonestà. Vorrei almeno che, in un sussulto di dignità, mettessero fine in pochi giorni, a un sistema elettorale vergognoso, che non ci premette nemmeno di scegliere i propri rappresentanti. Vorrei infine che quelli che hanno paura di essere costretti a morire democristiani, ci dicessero il nome di un paese al mondo nel quale il comunismo ha portato benessere.

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *