domenica, Settembre 15, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cattivi Pensieri: evisione fiscale (parte 2)

Cattivi Pensieri: evisione fiscale (parte 2)

Bertinotti, Cofferati, Marini, Benvenuto, D’Antoni e Pezzotta hanno strenuamente combattuto per far lavorare sempre meno gli italiani. Hanno avuto sempre più attenzione ai peggiori che ai migliori. Non hanno saputo salvare una sola azienda, ma occorre riconoscere almeno che con casse integrazioni ordinarie – straordinarie in deroga, e con le mobilità sono riusciti ad accompagnare i lavoratori fino alla pensione (quasi sempre da fame). Dieci anni fa avete sentito mai quei signori parlare di evasione fiscale?

Non si sono mai accorti che dal 1984 al 1994 chi aveva 100 milioni investiti in bot incassava 17 milioni all’anno di interessi esentasse, mentre un operaio non li guadagnava lavorando tutto l’anno? (e ci pagava anche le tasse). Che quei 100 milioni, che sovente provenivano da evasione, in 5 anni diventavano 200 e in altri 5 400. E che oggi formano gran parte dei 2000 miliardi di euro di debito pubblico?

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *