domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cattivi Pensieri: fisso e classe politica

Cattivi Pensieri: fisso e classe politica


di - 13 Agosto 2012, 9:00

Credo che il nostro debito pubblico sia il 3° al mondo, è terzo al mondo anche il livello della pressione fiscale. Siamo sul podio ma non possiamo esserne orgogliosi! Per quanto ottiene le spese, cattiva gestione, sprechi e … le fanno lievitare sempre più. Riguardo alle entrate, l’85% dell’IRPEF viene pagate da pensionati e lavoratori dipendenti. E’ evidente e noto a tutti che c’è una enorme evasione fiscale. Chi di voi non ha avuto a che fare con artigiani, commercianti, ristoratori, professionisti che non rilasciano scontrini, fatture o ricevute fiscali?

Queste categorie non devono avere paura del Fisco, che ha ampiamente dimostrato, sia quando è gestito dal centro-destra, sia quando lo è del centro-sinistra, di non saperle o volerle colpire, ma bensì dei loro clienti lavorativi dipendenti o pensionati, che un bel giorno si renderanno conto di dover pregare, oltre alle proprie tasse, anche quelle degli evasori. Trattandosi di furto di denaro altrui, non si potrebbe perseguire legalmente quelli che non … correttamente al loro dovere tributario? Infine un’ultima osservazione. Nelle famiglie A e B entrano esattamente gli stessi quattrini – in quella A da un’unica fonte (unico reddito), in quella B da due fonti. Fra abbattimenti e diversità di aliquote il reddito netto disbonibile delle due famiglie è però ben diverso. Vi sembra giusto? Ed ancora. Se la famiglia A, nel momento della produzione del reddito, ha già avuto un prelievo fiscale del 39 o 43%, deve anche, sul rendimento dei suoi risparmi, subire un preleivo del 27% come qualcuno auspica, o addirittura un prelievo straordinario sul patrimonio?  Mentre gli evasori continuano a farla franca!

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *