Lettere alla redazione

Cattivi pensieri: gli ambientalisti

Ambientalisti, animalisti, ecologisti, verdi hanno il grande merito di aver sensibilizzato l’opinione pubblica sull’importanza della pulizia dell’aria, della purezza delle acque, sulla necessità di tutelare l’ambiente e di avere un’agricoltura di qualità senza massicci impieghi di insetticidi, diserbanti, anticrittogamici dannosi alla salute.

Occorre però anche dire che sovente, forse per eccesso di zelo, hanno la tendenza a “farla fuori dal vaso”, bocciando inesorabilmente molte iniziative che possono creare opportunità di lavoro. Così facendo e dicendo sempre no:

–  al raddoppio della centrale di Vado

– alla piattaforma Maersk

– alle vetrerie e alle fonderie

– alla gronda e alla tav

– alle navi della Costa Crociere, che entrando in porto a Savona, sporcano e inquinano

– al porticciolo turistico della Margonara (senza torre Fuksas)

– al trasporto su strada

– alle troppe automobili

Ci troveremo fra qualche anno a ritornare a lavorare la terra, senza impiego di motozappe o trattori, notoriamente anch’essi inquinanti. Per intanto, a forza di essere protezionisti, hanno protetto per anni corvi, cornacchie, gazze, ghiandaie, volpi, che sono tutti predatori che distruggono uova e nidiacei di molte specie, quali passeri, tortore, merli, pernici e fagiani. Infatti le uniche specie di selvaggina in costante aumento, oltre ai predatori già citati, sono cinghiali e caprioli, perchè non ci sono nocivi in grado di distruggerli. Verdi e animalisti stanno però già sperando nel ritorno del lupo.

Gianni Birello

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: