domenica, Agosto 25, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cattivi Pensieri: i sindacati

Cattivi Pensieri: i sindacati

Vorrei chiedere ai signori Angeletti, Bonanni e Camusso se non ritengono, fermi restando tutti i meriti che devono loro essere riconosciuti, che anche il sindacato abbia delle grosse responsabilità per i comportamenti tenuti specialmente in tempi passati? Quando hanno fatto i contratti con aumenti uguali per tutti, e con assorbimento dei superminimi. Quando hanno preteso l’abolizione del cottimo perchè era una forma di sfruttamento dei lavoratori. Quando hanno difeso gli assenteisti perchè “la fabbrica non è un prato” e “la bocca sotto al naso ce l’hanno tutti”.

Quando hanno imposto una retribuzione superiore per gli assenteisti (che non spendevano per recarsi al lavoro e non subivano ritenute) di quella di chi si recava regolarmente al lavoro. Pensano di aver fatto il bene dei migliori o dei peggiori?  Non pensano di aver fatto disamorare del loro lavoro tanto i datori di lavoro che i lavoratori onesti? Non credo si sia mai verificato che un onesto lavoratore abbia fatto perdere il lavoro a un assenteista. Il contrario, invece, è sicuramente avvenuto! Mi spiegano perchè se uno non fa quello per cui è pagato non può essere licenziato? Su questi temi, non temono un eventuale referendum fra i lavoratori?

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *