giovedì, Marzo 21, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cattivi Pensieri: immigrazione

Cattivi Pensieri: immigrazione


di - 27 Agosto 2012, 9:00

Quando ero bambino, tutti i portoni di Savona erano aperti, e lo erano addirittura le porte di casa. I nostri vicini e noi andavamo e venivamo liberamente nella casa l’uno dell’altro. Chiudavamo la porta solo di notte. Non esistevano chiudiporte né tantomeno le porte blindate. C’era una grande solidarietà (ricordo che durante gli scioperi dell’Ilva tutti i vicini ci aiutarono, chi con olio, chi con verdura, chi addirittura con soldi). Erano anni nei quali occorrevano molti mesi, o forse anni, per ottenere la residenza arrivando dal sud del Piemonte e forse questo era esagerato. Poi è iniziata l’immigrazione del sud Italia, a torto o a ragione la gente è diventata più diffidente, ha chiuso le porte di casa, non ha più dato confidenza agli sconosciuti.

Una volta assorbito questo massiccio flusso immigratorio, è iniziato quello dai paesi dell’Est, dal Nord Africa ecc. Io non dico che bisogna chiudere le porte in faccia a tutti, ma forse un po’ più di cautela ci vorrebbe e avrebbe dovuto esserci. Le infiltrazioni mafiose al nord, l’avvento della delinquenza in tutta Italia, sono chiara testimonianza che il fenomeno dell’immigrazione, da qualunque paese provenga, non è stato ben gestito.

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *