sabato, Luglio 20, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cattivi pensieri: la cassa integrazione

Cattivi pensieri: la cassa integrazione

Nel 2012 sono state pagate un miliardo e ottanta milioni di ore di cassa integrazione che, diviso per 1900 ore lavorate mediamente pro-capite in un anno, fa un esercito di 568.000 persone. Si tratta di una straordinaria forza lavoro, che può e dovrebbe essere utilizzata per lavori di interesse pubblico, quali: protezione e risanamento del territorio, manutenzione di scuole, ospedali e altri edifici pubblici.

I soldi che lo Stato spende annualmente per queste attività potrebbero così essere risparmiati e destinati a risolvere il problema degli esodati o per dare lavoro ai giovani. Se poi è vero, come pensano in molti, che una buona percentuale di cassintegrati lavora in nero, questo loro utilizzo creerebbe subito altre opportunità di lavoro. Così facendo, si darebbe loro la possibilità di non sentirsi più umiliati e mortificati dal loro ruolo, e di recuperare, anzi, a pieno titolo, la dignità di lavoratori. In più, con una piccola integrazione (250/300 euro mensili) al reddito di cassintegrati avrebbero anche il ritorno a un salario pieno.

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *