sabato, Maggio 25, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cattivi Pensieri: l’imposta di importazione

Cattivi Pensieri: l’imposta di importazione

Gli italiani dovrebbero provvedere al mantenimento dello stato in base alla loro capacità contributiva. Gli evasori non solo non partecipano pagando il dovuto, ma addirittura sovente prendono dallo stato risorse alle quali non avrebbero diritto. Cosa dire poi di tutti coloro che hanno “delocalizzato”, magari dopo aver preso per anni contributi per investimenti, sgravi fiscali per ricerca e nuova occupazione. Costoro sottraggono ora lavoro agli italiani, imposte, contributi e Pil allo stato.

E’ giusto ed equo produrre a costi rumeni, cinesi o turchi e vendere poi i propri prodotti in Italia a prezzi italiani? Non si potrebbe istituire un’apposita “imposta di importazione” che colpisca tutti i prodotti che aziende italiane o di italiani vanno a produrre all’estero?

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *