domenica, Novembre 17, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Cattivi pensieri: lo spread

Cattivi pensieri: lo spread

“Spread” è una parola misteriosa, che vuol dire “differenziale”. Lo “spread”, tristemente noto a tutti, è il titolo differenziale fra il rendimento dei titoli di Stato Italiani e Tedeschi. Esso è costituito da tanti spread minori, che proviamo a elencare.

– Spread industriale, che misura la differenza fra gli industriali italiani che hanno portato le loro attività all’estero (dopo aver avuto, magari per anni, aiuti di vario genere, cassa integrazione, evasione fiscale) e gli industriali stranieri

– Spread sindacale, costituito dalla diversità di comportamento dei sindacati, che in Italia hanno talvolta tutelato i peggiori, con aumenti salariali uguali per tutti e assorbimento dei superminimi, o giustificando l’assenteismo con lo slogan “la fabbrica non è un prato”

– Spread fiscale, che fa pagare troppe tasse ad alcuni e poco o niente ad altri

– Spread operaio, secondo il quale molti nostri lavoratori non gradiscono alcuni lavori “umili o faticosi” per poi lamentarsi del tasso di disoccupazione del nostro paese

– Spread della magistratura, con sentenze talvolta scandalose e tempi sempre al di fuori di ogni logica

– Spread della sanità, con tempi di attesa per visite ed esami inaccettabili, indegni di un paese civile

– Spread della politica, con episodi di corruzione sempre più frequenti, costi altissimi, efficienza ed efficacia inadeguati

Esaminando per bene tutti questi “spread minori” non possiamo stupirci più di tanto dell’elevatezza del grande “spread”.

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *