Lettere alla redazione

Cattivi pensieri

Quanto impiegheranno ancora i sindacati a capire i gravissimi errori che hanno compiuto per decenni, gridando e sbraitando contro il “padronato”, sfruttatore dei lavoratori? Il vero sfruttatore dei lavoratori e degli imprenditori è, oggi più di ieri, lo stato italiano. In Italia abbiamo la curiosa situazione secondo la quale le imprese hanno costi uguali o superiori  a quelle dei loro concorrenti stranieri, mentre i nostri lavoratori hanno salari notevolmente inferiori ai francesi o ai tedeschi, perchè da noi ci sono tasse  e contributi troppo elevati. Sindacati e politici hanno fatto a gara a privilegiare i peggiori, a mortificare il merito e l’impegno, per favorire, per favorire simpatizzanti, amici e amici degli amici. Hanno aumentato a dismisura i costi dello stato e reso necessari l’alto livello di tassazione e il ricorso ad un sempre più crescente  debito pubblico. Debito pubblico che nonostante tutti gli sforzi e tagli, ormai si autoalimenta  a causa degli elevati interessi.

E’ impensabile poter continuare così. Le aziende devono poter pagare per merito e non per anzianità; occorre eliminare al più presto l’ Irap, una tassa assurda che disincentiva il lavoro; occorre aiutare le aziende che innovano, fanno ricerca, vanno in giro per il mondo a cercare clienti per i loro prodotti. I vari Bertinotti, Epifani, Pezzotta, Marini, Benvenuto, D’antoni, Cofferati, hanno fatto carriera. Coloro per i quali e contro i quali si sono battuti, non ne hanno fatto. Siamo sicuri che abbiamo ben operato per il bene comune?

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: