giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Attualità > Celle: causa per un esproprio degli anni 1950

Celle: causa per un esproprio degli anni 1950

Sarebbe la prescrizione a rendere vana la richiesta degli eredi

Il Consiglio di Stato, quale magistratura aministrativa d’appello, ha respinto definitivamente un ricorso, per una vicenda iniziata sesaant’anni fa’, presentato da una famiglia di Celle Ligure, ben determinata a rivendicare – in qualità di eredi – il rientro in possesso di alcune aree che erano state espropriate, verso la fine degli anni 1950, dal prefetto di Savona, per la costruzione della linea ferroviaria a monte, raddoppiata, e della nuova stazione di Celle, ora disabilitata e, per fortuna sede della Croce Rosa che ne assicura un po’ di decoo e di manutenzione. Su alcune di quelle aree il Comune ha, inoltre, realizzato un parcheggio pubblico mentre su altre, a seguito di una variante al piano regolatore, sono state costruiti degli edifici residenziali; altre ancora, infine, con atto notarile del 2002, sono state vendute all’immobiliare Ligurcelle dalla, allora, Metropolis Spa, oggi Ferservice Spa società che gestisce il patrimonio immobiliare ed i servizi gestionali delle Ferrovie dello Stato.

Il motivo del contendere, che ha visto come controparti il ministero delle Infrastrutture e Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana, era dovuto alla richiesta degli eredi dei proprietari di rientrare in possesso della parte di aree che non erano state utilizzate per la realizzazione dell’infrastruttura ferroviaria. La legge prevede infatti che gli espropriati possano chiedere “l’accertamento del proprio diritto alla retrocessione parziale delle aree” oggetto del decreto prefettizio”.

Un primo ricorso al Tar Liguria, nel 2012, era stato respinto con la motivzione che il raddoppio era stato completato nel 1977 ed il servizio sulla nuova linea aveva avuto inizio il 12 maggio di quell’anno mentre il diritto degli interessati si era prescritto nel termine ordinario di 10 anni. Ma costoro avevano presentato appello al Consiglio di Stato, in quanto – secondo la tesi dei ricorrenti – il termine di prescrizione sarebbe iniziato a decorrere dal 2002, data di stipula del contratto di vendita dell’area alla Ligurcelle.

Ma anche in questo caso il ricorso è stato giudicato “ad un tempo inammissibile ed infondato”. Inammissibilità che secondo il Consiglio di Stato discenderebbe anche dalla mancata specificazione delle aree che costituirebbero oggetto della richiesta di restituzione. Nel ricorso ci si riferirebbe infatti ad aree espropriate nel 1958, oggetto di vicende diversificate, ma senza precisare quali siano le particelle di cui è stata chiesta la restituzione.

La problematica, che si vorrebbe pittoresca perchè riguarda vicende “della metà del secolo scorso”ì, pone in realtà l’attenzione su di un aspetto degno di massima considerazione, ovvero proprio la destinazione dei beni espropriati che, nel caso, se non sussistessero motivi di prescrizione, ben difficilmente non potrebbe essere ritenuta viziata da arbitrio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *