sabato, Agosto 17, 2019
Home > Attualità > Celle: Presepi all’Oratorio

Celle: Presepi all’Oratorio

Ultimo giorno, oggi 6 gennaio, Epifania, per poter visitare i Presepi all’Oratorio di San Michele, a Celle Ligure. Una rassegna a cura della Confraternita di San Michele, che si è consolidata negli anni, come il Presepe luminoso che sale per via Ferrari, e che assegna a Celle, a pieno titolo, la qualità di presentare un allestimento di presepi di significativo richiamo, come quelli “meccanici” di Albisola o dell’Assonautica di Savona. La particolarità cellese è di rappresentare una “collettiva” cui concorrono singoli, associazioni, frazioni del comune. Ogni apporto è realizzato con cura e passione, ben inserendosi nella tradizione genovese e ligure del presepe, fervida custode di tale emblema di devozione e di creatività.

Non mancano le figure, a suo tempo realizzate da Giovanni Sirombra, geniale dilettante che, con un misto di solennità e di “naiveté” ripropone forme e tipi della manifattura albisolese; quest’anno le sue sculture sono servite per un presepe ambientato su di un tavolo di cucina fra bicchieri di vino, uva, cesti.

Toccante, con splendide sculture, con la prua rovesciata di un gozzo a rappresentare la capanna della Natività, il presepe dell’AVIS, corredato di impressionanti foto della tempesta marina di fine ottobre che ha flagellato anche il litorale cellese!

La Banda Mordeglia ha posto la Sacra Famiglia nel padiglione di un antico ottone mentre il Gruppo Alpini, a Celle attivissimo, ha disposto la scena aprendo a “grotta” la blusa di un’uniforme dell’età della Prima Guerra Mondiale, a commemorarne, il centenario della fine.

Altri allestimenti provengono dalle frazioni, tra cui possiamo notare quello della “Costa”, con suggestive figure in terracotta grezza; lo spazio davanti all’altare è occupato da un’incantevole ambientazione a Celle, con la caratteristica fila delle case e dei palazzi che si affacciano su Piazza del Popolo, il “molo” per i cellesi, contornata da inediti, accuratissimi lavori di Giacomo Gambetta, “Giacumin da Stasiun”, un cellese noto per essere stato strumentista della Banda Mordeglia per molto tempo, ma altrettanto conosciuto per rettitudine, simpatia, bontà, disponibilità, cordialità e franchezza! Giacumin si dilettava e realizzare modelli di edifici in sughero; fra i tanti che ha costruito, la riproduzione delle chiese e delle cappelle di Celle, che appunto sono state poste intorno alla “Natività” che potremmo intitolare, “sulla spiaggia di Celle”.

Interessanti i contributi di singoli appassionati, che spaziano da scene fra pigne e ceppi, oppure tra rami d’ulivo, a rappresentazioni classiche fra palmizi e atmosfere mediorientaleggianti sino ad un originalissimo allestimento fatto con tappi di plastica di bottiglie e di flaconi, della famiglia Bonollo.

Completa la rassegna il grande pannello “multietnico” degli alunni della Scuole.

Se dimentichiamo di citare qualche presepe è solo per motivi di “documentazione” ed “impaginazione” perchè tutte le realizzazioni contribuiscono a rendere ricca e coinvolgente l’esposizione cellese di Presepi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *