sabato, Agosto 17, 2019
Home > Attualità > Celle: sempre all’erta per il rio Santa Brigida

Celle: sempre all’erta per il rio Santa Brigida

olmo celle ligure

Sessantun imprese avevano partecipato alla gara per gli eterni lavori di irregimentazione del rio Santa Brigida, a Celle, più altre due non ammesse, un’offerta era risultata vincente e poi annullata per non aver superato le verifiche di legge ed infine è stato aggiudicato l’appalto. Si è così conclusa, dopo un percorso tortuoso, la gara indetta dal Comune di Celle Ligure per i lavori di messa in sicurezza idraulica della zona di ponente. Già assegnati provvisoriamente, per il criterio del prezzo più basso, all’impresa MFC Consolidamenti di Salerno, che aveva offerto un ribasso del 26,833% sull’importo a base di gara, per una somma intorno ai 390 mila euro, alcune irregolarità riscontrate  a seguito dei successivi controlli dispsoti dalla commissione di gara hanno reso inevitabile l’annullamento del contratto di avvalimento e l’estromissione della ditta salernitana dalla graduatoria. L’appalto è stato così assegnato all’impresa Cema di Chiavari, che si era classificata al secondo posto proponendo un ribasso pari al 26,725%.

I lavori riguardano un radicale rifacimento della tombinatura del rio di Santa Brigida, che scorre sotto la sede stradale, passando, non visto, davanti allo stabilimento Olmo. La parte terminale del rivo, che fluisce al di sotto di piazza Pietro Costa, a poche decine di metri dal mare, è già stata oggetto di interventi di adeguamento per aumentare le dimensioni della sezione a 2 metri di altezza per 4,5 metri di larghezza. Per eliminare il rischio idraulico, che si paventa ormai ormai da anni, sarebbe ancora necessario proseguire l’intervento con la sistemazione del tratto a monte, dove la sezione sotterranea del rio di Santa Brigida si attesta sia inadeguata.ma, da ancora più anni, lo scrivente, che abita nei pressi ed ha ormai passato il traguardo dei sessant’anni, non ha mai visto nulla di grave, nè sentito dire che sia accaduto ma “ubi maior minor cessat” e e, anche a livello regionale, era stato decretato che il piccolo torrente è uno dei corsi d’acqua liguri più a rischio e allora… via ad altri mesi di cantiere come quello dell’inverno scorso.

A fine 2014 era stato dato affidato all’ing. Roberto Desalvo, dello Studio Staiges di Savona, l’incarico di redazione del progetto esecutivo e della direzione lavori. Il quadro economico dell’intervento era stato stimato in 860 mila euro. Il finanziamento dell’opera è stato attinto dalla partecipazione ad un bando Por Fesr 2014-2020 – fondi europei- che prevedeva finanziamenti per opere di messa in sicurezza dei territori più esposti a rischio idrogeologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *