C'era una volta la Serie A

C’era una volta la Serie A

Introdotta dal 4-0 con il quale, nell’anticipo di ieri sera, la Juventus ha travolto il malcapitato Lecce – al suo secondo “poker” al passivo di fila – all’Allianz Stadium di Torino aumentando a sette le lunghezze di vantaggio sulla Lazio, la più agguerrita inseguitrice dei bianconeri, la ventottesima giornata del campionato di Serie A entra oggi nel vivo con altre tre sfide, tutte cruciali per le contendenti coinvolte: mentre Brescia-Genoa, in programma alle 17,15, rappresenta un autentico crocevia per la salvezza (lombardi all’ultima spiaggia o quasi, liguri chiamati a risollevarsi dal tonfo casalingo di martedì contro il Parma) e Cagliari-Torino, il cui “via” è fissato alle 19,30, assurge a cartina al tornasole per gli obbiettivi delle due compagini (rossoblu alla rincorsa del miraggio europeo nell’anno del centenario della fondazione della società, granata intenzionati ad allontanarsi quanto prima dalle secche della classifica), è indubbiamente il match delle 21,45 a catalizzare l’attenzione principe. Allo stadio Olimpico di Roma, infatti, la Lazio ospiterà una Fiorentina che, come il già citato Torino (al quale è appaiata in classifica), si è finora resa protagonista di un cammino decisamente sottotono. Un compito decisamente non facile, per non dire proibitivo, quello a cui sono attesi i toscani, che proprio sul terreno dei capitolini, un quarto di secolo fa, incassarono una batosta tra le più pesanti della loro storia, tuttora un incubo ricorrente per i supporters gigliati.

È il 5 marzo 1995. Quando il primo campionato dell’era dei tre punti per la vittoria si appresta a mandare in scena la ventiduesima giornata, la prima Juventus targata Marcello Lippi è saldamente al comando della graduatoria con 48 punti, seguita dal Parma con 42. Più staccate la Roma a quota 37, la Lazio a 34 e il Milan, campione d’Italia in carica, a 33. Il sesto gradino è occupato da tre squadre a quota 32: Sampdoria, Cagliari e Fiorentina. Proprio i viola, che sotto la guida del riconfermato Claudio Ranieri sono immediatamente risaliti nella massima serie dopo la clamorosa retrocessione di due anni prima, si stanno segnalando – così come i sardi – tra le rivelazioni del torneo. Viceversa, nonostante l’attacco più prolifico (41 reti segnate) e vittorie che rimandano al calcio d’altri tempi (5-1 al Napoli e al Padova, 7-1 al Foggia, “solo” 4-0 al Milan), solo a sprazzi la Lazio di Zdeněk Zeman – reduce dalla sconfitta di Parma e dunque chiamata al pronto riscatto per non perdere il contatto con le zone alte della classifica – si è dimostrata all’altezza di interpretare quel ruolo di protagonista alla quale era attesa. Insomma, tutto lascia prevedere che i 43.000 spettatori accorsi all’Olimpico potrebbero assistere a un incontro da ricordare. Così sarà.

Bastano quattro minuti perché la partita assuma una fisionomia ben chiara: Bokšić scappa sulla sinistra e mette al centro per Casiraghi, che insacca da pochi passi. Alla mezz’ora arriva il raddoppio: sugli sviluppi di un corner calciato dalla sinistra da Fuser, Negro raccoglie una correzione di testa di Winter e mette in rete al volo. La compagine di Ranieri, priva di Carnasciali, Robbiati, Marcio Santos e Di Mauro appare troppo vulnerabile e agli uomini di Zeman sono sufficienti altri cinque giri di lancette per calare il tris: Bokšić porta lo scompiglio in area viola, l’arbitro Treossi ravvede un intervento falloso di Malusci e indica il dischetto del rigore. Si incarica del tiro dagli 11 metri Cravero e la sua trasformazione è impeccabile: Toldo da una parte, il pallone dall’altra. La sensazione che tutto ciò che si dice sul colore viola sia vero assume contorni di probabilità – se non proprio di certezza – quattro minuti più tardi, allorquando Batistuta fallisce un penalty concesso dal direttore di gara per un intervento di Nesta su Carbone: l’argentino calcia molto forte ma troppo centrale, consentendo la parata all’ottimo Marchegiani.

Nell’intervallo Ranieri prova a cambiare qualcosa operando un doppio cambio: fuori Sottil e Cois, dentro Flachi e Amerini. In apertura di ripresa “Batigol” prova a rifarsi del precedente errore, ma dopo aver evitato anche Marchegiani, da posizione difficile, non trova la porta. È però sempre la Lazio ad avere il pallino, e al quarto minuto – esattamente come nella prima frazione di gioco – Casiraghi timbra nuovamente: un ottimo cross dalla destra di Negro pesca smarcato in area l’ex juventino che, lasciato solo per l’ennesima volta, non deve fare altro che spingere la sfera nel sacco. È invece il 12’ quando Bokšić decide di entrare anch’egli nel tabellino dei marcatori: cross di Rambaudi, “torre” di Casiraghi e colpo di testa vincente del croato, che cinque minuti più tardi raccoglie i meritati applausi dell’Olimpico per lasciare il posto al diciottenne pari ruolo Di Vaio (parleremo anche di lui), mentre in pari tempo Venturin dà il cambio a Winter a centrocampo. Perso per perso, la Fiorentina si decide a tirare fuori l’orgoglio e al quarto d’ora trova il gol: Marchegiani si oppone a una conclusione di Tedesco, ma nulla può sulla ribattuta di Rui Costa, il migliore dei gigliati. Al 28’ Treossi punisce di nuovo con il rigore un contatto tra lo stesso Marchegiani e Batistuta: questa volta il bomber di Reconquista (nato però ad Avellaneda) si prende la rivincita con l’ex portiere del Torino e autografa il suo diciannovesimo centro stagionale. Nonostante il risultato ampiamente blindato, tuttavia, la Lazio non si ferma; e poiché dal 31’ i toscani si ritrovano addirittura in 10 (espulso Pioli per doppia ammonizione), il 6-2 è solo questione di minuti e si materializza al 37’ grazie allo scatenato Casiraghi, che segna praticamente in fotocopia. Ormai non è più calcio ma tennis, e al 41’ c’è gloria anche per il giovane Di Vaio (avevamo detto che ne avremmo parlato). Non ce ne sarebbe bisogno, ma il signor Treossi – oggi particolarmente di manica larga – concede il quarto rigore della giornata per un fallo di mano di Luppi: a chiudere i conti – ammesso e non concesso che siano mai stati aperti – è ancora Casiraghi, che suggella dal dischetto il definitivo 8-2. Per completezza riportiamo che con il poker odierno il numero 11 brianzolo ha superato il proprio record personale di reti in una sola partita; che in tribuna erano presenti l’allora presidente del consiglio Lamberto Dini e l’on. Gianfranco Fini l’uno contro l’altro – il primo tifoso viola, il secondo supporter biancoceleste – e che a godere sugli spalti dell’Olimpico c’era anche la laziale doc Giorgia, reduce dal trionfo al Festival di Sanremo della sua Come saprei e, dunque, con almeno un motivo in più per… cantare vittoria. La nostra rievocazione di un incontro che è stato tutto tranne che noioso si conclude con una battuta per parte, ovviamente di opposto tenore, di due suoi protagonisti: se il grande Dino Zoff, presidente della Lazio, si limita a dire che un 8-2 si commenta da solo, Ranieri risponde al cronista domandandogli «Lei cos’avrebbe fatto dopo aver preso otto gol? Si sarebbe arrabbiato?». Provate a dare torto almeno a uno, se ci riuscite…

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: