venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Cultura > Ceramica per l’Antoprocene

Ceramica per l’Antoprocene


di Selena Borgna - 10 maggio 2017, 10:53

“Mi sento in dovere di ringraziare tutti, in particolare i signori Delfino e Profumo”, ha dichiarato il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio durante la presentazione del progetto a cura di Francesca Perona “Ceramica per l’Antropocene”, “e credo molto nella sinergia tra campus e comune. Questo esperimento è ottimo anche perchè consente di coniugare al meglio il passato ed il futuro e sono convinta del fatto che occorra proporre ai giovani quelli che saranno i mestieri del futuro”. “Il progetto Industria 4.0 è stato approvato alla Camera dei Deputati all’unanimità da tutte le forze politiche”, ha evidenziato l’onorevole Lorenzo Basso, “e sono anche convinto del fatto che per le nuove tecnologie occorrano competenze ed approfondimenti”.Stesso entusiasmo da parte di Francesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo :”La nostra compagnia ha ben 454 anni e rappresenta da sempre la serietà del nostro gruppo. Le risorse generate dalla stessa rientrano sul territorio e voglio evidenziare che uno dei problemi dell’Italia è quello della mancanza di idee e di capacità di gestirle. Occorre coniugare tradizione ed innovazione e sono convinto che le buone idee possano essere un’opportunità di lavoro. In questo bando i progetti dovevano avere una ricaduta sul territorio ed una sostenibiltà energetica e su 250 proposte che ci sono pervenute ne abbiamo finanziate circa 20 e credo fermamente che la ceramica possa essere abbinata alla tecnologia”. “Tra 20 anni il mondo sarà diverso da oggi, ma tuttavia molte persone erigono muri precludendosi a nuove conoscenze”, ha ricordato Tiziana Casapietra, presidente dell’associazione Radicate, “e per un lavoro migliore occorre coniugare la realtà e la ricerca. Al CERN di Ginevra gli artisti ed i fisici lavorano insieme ed il progetto SM/ART 2 sa coniugare il progresso e la tradizione. Abbiamo molte idee per il futuro come, ad esempio, un hub per l’innovazione transdisciplinare che aiuterebbe la ricerca di base. Occorre la valorizzazione del territorio e sono certa del fatto che le opere d’arte attirano le persone”. “E’difficile spiegare i nuovi mestieri e le discipline diverse tra loro si possono anche fondere”, ha sottolineato l’artista Francesca Perona, “ma ciò rende il lavoro ancora più interessante. Durante questo lavoro ho collaborato con ingegneri e studenti del campus e devo dire che questa è stata una magnifica esperienza. Il lavoro per il recupero delle terre è stato lungo e devo ringraziare i miei collaboratori e il concetto di Antropocene dice come si devono usare le risorse necessarie e capire da dove queste provengono. L’opera è nata dal connubio di tre centri di ricerca : le ceramiche di Albisola, alcuni ingegneri ed il FatLab, che ha contribuito con un braccio tecnologico. Tutti e tre gli aspetti hanno uguale importanza e l’artigianato è molto importante per la tradizione”.“Questa ricerca è un atto di creatività”, ha dichiarato l’ingegner Procoppio, docente e musicista, “e se ad un problema vi è una nuova soluzione tutto ciò è un atto creativo”. “Questa iniziativa è molto importante anche perchè si è dimostrato che ingegneria ed arte possono coniugarsi e qui al campus è usata l’energia smart green. Questa sperimentazione ha dato ottimi risultati e in questo modo si guarda al futuro”, conclude Federico Delfino, docente del campus.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *