Cultura e Musica

CHARTA! Dalla Gulli a Savona fino al 24 febbraio

Il vocabolo carta rievoca subito la parola papiro, da qui si dipana papier del francese, che ritroviamo nei nostri dialetti e poi saltiamo all’immagine del papier collé. Il titolo “Charta !” rievoca molteplici aspetti di questo duttile materiale utilizzato dagli Artisti presenti nella mostra e i loro interventi creativi esemplificano in pieno queste metamorfosi che vanno a verificarsi quando la carta viene a contatto con l’altro elemento inafferrabile: l’acqua. A contatto con la superficie assorbente il colore non si somma ma si espande e penetra nella materia fino ad diventare evanescente; solo nei papier collé, che si fanno esempi di materici, si forma la “crosta” simile a quella che si ottiene con la pittura ad olio. Che cosa significhi per un Artista usare la carta piuttosto che la tensione e il tableau di una tela lo si avverte nell’esprimere in maniera più libera e svincolante la Sua idea-origine o la Sua immagine – immaginata. Si sente che riesce ad esprimersi al meglio con un mezzo meno restrittivo e talvolta rigido ma soprattutto la macchia di colore, sfuggendo al suo controllo, crea tonalità, sfumature o altri segni imprevedibili, come succede spesso nella cottura per la ceramica. Quindi linee, macchie, sovrapposizioni arricchiscono gli strumenti espressivi. Le opere presentate, appartenenti a generazioni diverse e a volte lontane le une dalle altre, sono esempi notevoli per qualità e creatività.M. Barlettani, G.Benini, M.Canepa, M. Denicolò, L.Franzia, B.Gorgone, S.Lorenzini, C. Sipsz e U.Stagnaro: tutti hanno provato la necessità di affrontare la duttilità, la porosità e la fragilità di un elemento che ha caretterizzato in gran parte la storia dell’umanità e ancora oggi, sebbene i mezzi informatici l’abbiano scavalcata, rimane il forziere di fatti, pensieri e immagini di uomini, donne e bambini. Questi artisti hanno lasciato da parte i loro mezzi preferiti per creare e si sono messi in gioco con acqua colori e colle. Alcuni di loro non si sono discostati dallo spessore materico dei colori ad olio, altri hanno lasciato che l’impatto del pennello intriso di colore liquido permettesse al loro pensiero di esprimersi espandendosi sulla superficie porosa delle carte, gesto che si ripete sulla bianca coltre della maiolica, per cui ad alcuni ben noto è l’effetto che produce l’impatto tra elemento liquido e il tessuto delicato della carta: l’effetto è di velature impalpabili di colori che si fanno tutt’uno con il sottostante strato di materiale che accoglie subito il colore o lo lascia scorrere a suo piacimento.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: