giovedì, Marzo 21, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > “Che bella la terza età”, ora non più!

“Che bella la terza età”, ora non più!


di - 10 Luglio 2012, 16:43

Credo che il simpatico Marcello Marchesi se fosse ancora in vita non canterebbe più “che bella età la terza età”, per oò semplice motivo che non avrebbe oggi, alcun motivo per compiacersi della bellezza della terza età. Gli anziani, ed in modo particolare i nonni erano considerati fino a qualche anno fa, maestri di vita, grande patrimonio di esperienza e di saggezza, artefici di quel miracolo economico che ci ha portato ad un livello di benessere fra i migliori al mondo. Per tutti gli anziani erano un valore aggiunto che andava rispettato, tutelato ed emulato.Poi il vento è cambiato e gli anziani oggi sono sempre più soli, mal tollerati, abbandonati in case di riposoo, nel migliore dei casi, lasciati nelle mani di badanti che non sempre sanno o hanno voglia di dar loro quel calore umano del quale avrebbrero tanto bisogno.Una volta si diceva “vita da cani”.

Ho paura che fra qualche anno ci troveremo a dover cambiare questo luogo comune in “vita da anziani”. Hanno combatuto tanto per costruire un mondo migliore, hanno aiutato prima i figli e poi i nipoti, ma non credo che possano essere soddisfatti del risultato che hanno ottenuto per se stessi. Ultimamente qualche benpensante ha addirittura azzardato che gli anziani sono responsabili di aver sottratto risorse ai giovani con le loro laute pensioni maturate troppe volte dopo pochissimi anni di lavoro, dimenticando che la responsabilità di questo va caso mai condivisa fra le forze politiche e sindacali che hanno èermesso che ciò avvenisse. Continuando di questo passo non vorrei che si arrivasse un giorno a pensare che per risollevare le sorti delle finanze del nostro paese, sarebbe necessario, anche se doloroso, promulgare una legge che rendesse obbligatoria l’eutanasia per gli ultraottantenni, in quanto ritenuti responsabili di depauperare le casse dell’INPS e di sconquassare u conti della sanità.

 Gianni Birello

responsabile provinciale ufficio terza età UDC Savona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *