lunedì, Luglio 15, 2019
Home > Cronaca > Chiude la Guardia medica di Urbe, Interrogazione in Regione del Pdl

Chiude la Guardia medica di Urbe, Interrogazione in Regione del Pdl

Garibaldi e Melgrati dichiarano “l’eliminazione di questo servizio è un fatto grave:si penalizzano fortemente due territori montani e con un alto tasso di popolazione anziana”.  Il Gruppo regionale del Pdl ha presentato un interrogazione urgente sulla paventata abolizione del servizio di Guardia Medica, festiva, prefestiva nei Comuni di Urbe, in provincia di Savona e Tiglieto in provincia di Genova. Primo firmatario il Consigliere regionale del Pdl Gino Garibaldi che spiega: “ abbiamo chiesto alla Giunta se tale notizia corrisponda al vero ed in caso affermativo quali siano le motivazioni che hanno portato a tale decisione”.

L’esponente del Pdl si dice preoccupato e continua: “eliminare un servizio così importante è un danno grave per questi due Comuni che presentano una popolazione molto anziana (il 70%), sparsa su un vasto territorio ed in certi casi difficilmente raggiungibile, in quanto residente in casolari molto disagiati rispetto ai centri delle frazioni. Spesso i nuclei familiari sono costituiti da due persone, ed in certi casi, anche da una persona sola” Nello specifico per quanto concerne il territorio del comune di Urbe anche il Consigliere regionale del Pdl Marco Melgrati interviene e spiega: “ per oltre l’80% questo comune risulta essere prevalentemente montuoso, molto vasto (31 kmq di superficie), dislocato in cinque frazioni lontane una dall’altra decine di km, difficili da mettere in comunicazione per le caratteristiche tipiche delle strade di montagna, che aumentano la loro criticità nei mesi invernali (metà-ottobre/ fine-marzo ), per la continua presenza di gelo e neve”. Garibaldi e Melgrati poi sottolineano: “inaccettabile una decisione di questo tipo visto l’isolamento quasi totale di questi territorio a causa della notevole lontananza dai centri urbani dove trovare i servizi indispensabili, compresi quelli di Pronto Soccorso. I primi centri di soccorso infatti per entrambi i comuni si trovano a quaranta/ cinquanta km di distanza”. In conclusione Garibaldi dichiara: “se poi si considera che nei mesi estivi, la popolazione, per la presenza di molti villeggianti, ha un notevole incremento e quindi nel contempo aumentano anche le necessità di fornire servizi maggiori e più sicuri tra i quali il servizio sanitario che è senza dubbio il più importante, si comprende il perché abbiamo voluto portare questa questione all’attenzione del Consiglio Regionale. Vogliamo sapere se e quali iniziative la Giunta regionale intenda porre in essere per trovare una concreta soluzione a questo grave problema, provvedendo se necessario ad un incontro congiunto fra le parti interessate per addivenire ad una situazione positiva, visto anche la disponibilità dimostrata dalla ASL 3 e i servizi già forniti dal Comune di Urbe.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *