mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Attualità > Ci sono morti dimenticabili?

Ci sono morti dimenticabili?

Loretta Ramognino, in questo suo testo mette in risalto il senso del passato con il presente e come filo conduttore la morte.

Ci sono morti dimenticabili, si chiede la Ramognino. E voi?

Ecco il testo.

Cicatrici universali e monumenti unici

Una lezione di storia in un giorno qualsiasi.

Cos’hai da studiare?

Le guerre persiane.

Va bene. 

Prassi normale di ore normali, di giorni abituali.

Io noto poco i numeri. Li vedo a stento. Arrivo più facilmente a nuclei diversi.

Pianura di Maratona. Grecia.

490 a.C.

Prima guerra persiana.

Scontro fra Ateniesi e Persiani, ma anche corsa febbrile contro il tempo con la necessità di essere anche altrove. E poi arrivarci.

Ma anche tattica vincente, anche strategia, anche fredda intelligenza d’annientamento.

La falange oplitica trionfa ancora, ma è sempre la mano dell’uomo che muove la morte.

Senza la mano rimane il ferro senza volontà. Senza intelligenza non rimane nemmeno quello.

6400 morti persiani.

192 morti ateniesi.

6400 

192

Ora, io ho visto una pianura terrosa e vergine e selvaggia.

L’ho vista nella mente.

Alcuni sprazzi di un verde non acceso e assenza di germogli.

Il cielo terso d’agosto e forse un vento tiepido.

Ma, a sopraggiunto silenzio,  6592 corpi di uomini senza vita, trafitti e mutilati, invece non sono pensabili. 

Un mare senza onde.

Io non credo che quel giorno il cielo, con quella polvere mista a sangue che lo raggiungeva, fosse lo stesso del giorno prima.

E non è la differenza numerica che mi sgomenta, ma quella immensa distesa di uomini ormai privi di appartenenza, che avevano creduto, pensato e trovato il coraggio che poi sarebbe servito.

Uomini che vivevano una realtà da noi cosi lontana da essere invisibile e cosi cruenta da essere invivibile.

Uomini inconsapevoli che, dopo di loro, molto dopo, sarebbe arrivato un futuro impensabile.

Amo profondamente l’archologia dell’anima. Non tace mai in un eco che risuona per chi sa ancora ascoltare.

Vorrei sentire le urla di polvere di posti come questo.

I luoghi di scontri, di guerra, di paura e di una dimenticanza troppo vicina.

Ogni ” Normandia” del pianeta.

Vorrei sentire la risposta alle mie domande e il fragore che persiste nel silenzio.

E’ cosi che si dovrebbe ricordare.

Quando in un giorno ordinario di ogni tempo si legge di chi è morto perché ha creduto, perché ha avuto fede nell’amore o nella forza o nello sbaglio. Non importa. E’ cosi che si ricorda.

Il tutto e non la parentesi storica.

Privandoci del senso tirannico del nostro tempo e capendo ragioni non nostre.

L’uomo e non il soldato.

Perché non erano di piombo. Erano veri.

Perché non è mai stato un altro mondo, è sempre stato questo.

morti dimenticabili?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *