martedì, Ottobre 22, 2019
Home > Cronaca > Ciao Ramon, Principe dei pony

Ciao Ramon, Principe dei pony

A Savona non vi è bambino che non sia salito almeno una volta sui pony di Ramon. La città perde così un piccolo pezzo di storia e una tradizione che ha reso felici grandi e piccini. Gilbert Adolphe Gazave detto Ramon se ne è andato all’età di 84 anni, nella notte di sabato 10 marzo, per un malore improvviso al cuore. Originario di Andorra, aveva vissuto anche a Parigi dove faceva il circense. Non esiste ruolo del “settore” che non avesse ricoperto, dal lanciatore di coltelli al clown e perfino il domatore di elefanti e serpenti. Aveva girato l’Europa con i circhi. «Sono a Savona dal ‘69, mi sono fermato qui con 6 pony facendo divertire tre generazioni», diceva sempre Ramon con il suo strano accento franco-italo-spagnolo. Lui e i suoi bellissimi pony facevano ormai parte integrante del Prolungamento.

«Niente sole, niente giardini, niente argent (denaro)» amava dire ai colleghi dei chioschi nei giardini. Il primo approccio con lui incuteva un po’ di timore, che in realtà svaniva subito quando ti prendeva e ti metteva in sella. Burbero solo in apparenza. Savona per lui doveva essere solo una tappa del suo circo. Invece vi si fermò per più di quarant’anni. La città adottò il gitano a cui venne dato il nome d’arte: “Ramon”. Lui nei successivi quarant’anni ricambiò l’accoglienza diventando un simbolo caratteristico della città. Con la sua carrozza – calesse trainata da pony era una cartolina vivente. La sua licenza per l’attività itinerante era scaduta nel 2004. Poi ancora qualche anno di sacrificio, sino all’abbandono definitivo. Decise di chiudere le famose stalle tra corso Mazzini e vico dell’Ammazzatoio davanti all’asilo delle Piramidi. Da solo non riusciva più ad andare avanti. Di sera era facile, passando davanti alle stalle, sbirciare dentro e vedere i pony con Ramon che puliva e rassettava. «Oggi un giovane non farebbe mai questo mestiere. Vogliono denaro e sicurezza, io coi pony ho sempre avuto solo zuppe, quelle che mi servivano per vivere e basta» amava dire alle soglie della pensione, arrivato ormai agli 80 anni. Era il 1969 quando comprò il primo per caso. Raccontava «In casa avevamo sempre avuto cavalli, io li sapevo portare e tenere, un savonese me lo offrì e non dissi no; fu il primo di una lunga serie, ne presi altri e non me ne andai più. Da allora la mia vita fu portare in giro per la città bimbi che si sentono nel far west». Inconfondibile il passo lento, l’aria mansueta, la pazienza infinita: a starci sopra non si rischiava niente. E poi a Gilbert-Ramon bastava un sospiro per correggergli l’andatura. I savonesi non gli hanno mai fatto venire meno la loro solidarietà. Un piatto caldo e qualche spicciolo gli veniva sempre allungato. Facile trovarlo ai tavoli del ristorante “da Nicola” o in altre taverne e trattorie della zona. Tanti i messaggi di saluto su facebook a testimonianza di quanto, questo piccolo grande uomo, abbia lasciato il segno a Savona. E anche noi lo vogliamo ricordare con affetto. Ciao Ramon.

Elisa Baglietto

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *