lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Attualità > Cimitero di Zinola: risoluzione del contratto con ATA per la cremazione

Cimitero di Zinola: risoluzione del contratto con ATA per la cremazione



di Giorgio Siri - 11 ottobre 2017, 17:50

“Ata non è riuscita a garantire gli impegni contrattuali, al momento continuerà in via provvisoria a occuparsi della gestione dei forni crematori ma nella commissione consiliare di fine ottobre decideremo se la gestione sarà pubblica o privata, si vuole naturalmente portare avanti il progetto del nuovo polo crematorio”. Con tale dichiarazione l’Assessore al Bilancio e alle Partecipate del Comune di Savona, Silvano Montaldo, ha spiegato le ragioni della rescissione del contratto con Ata per quanto concerne la gestione dell’impianto di cinerazione del Cimitero di Zinola.

La partecipata savonese, a dicembre 2015, aveva stipulato un contratto col Comune per il servizio di cremazione e un altro sulla cessione del ramo d’azienda che avrebbe comportato la creazione di un nuovo polo crematorio;la spesa delle due operazioni era considerata ammontante a 350.000 euro riguardo all’acquisizione dell’ara crematoria ed a due milioni e mezzo per la stipulazione di un mutuo per finanziare la realizzazione di due nuovi impianti di cinerazione e la ristrutturazione di quelli ora in funzione.

Vista la difficile situazione in cui versa Ata, gli impegni contrattuali erano andati a monte e, abbandonata l’idea del nuovo polo, era stata presa in considerazione la sola ristrutturazione dell’impianto esistente, rispettata solo in parte, in quanto i crematori non sono ancora adeguati alle prescrizioni della Provincia sulle esalazioni dei fumi.

Il Comune quindi risolverà il contratto per stipularne un altro, che consentirà ad Ata, per un periodo determinato, di eseguire le cremazioni, per non incorrere nell’interruzione del servizio; nel frattempo l’Amministrazione comunale, oltre a chiedere alla Provincia una dilazione sul rispetto della normativa riguardante i fumi, deciderà, sentito il parere di una commissione consiliare, se la gestione degli impianti di cremazione sarà pubblica o se affidarla a privati, con la realizzazione di un nuovo polo crematorio, cercando di contenere i costi che, ora, non rientrerebbero nelle previsioni degli stanziamenti comunali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *