domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Attualità > CircOLIamo: a Savona la campagna educativa per l’olio usato

CircOLIamo: a Savona la campagna educativa per l’olio usato

“Siamo onorati della presenza di quest’associazione e siamo orgogliosi di aver concesso il patrocinio per questa inziativa che è un segnale della nostra attenzione per l’ambiente”, ha dichiarato Pietro Santi, assessore all’ambiente del comune di Savona durante la presentazione di CircOLIamo, campagna educativa itinerante per la raccolta degli oli usati, “e voglio ricordare che allo stato attuale il punto di raccolta dell’olio esausto della nostra città è sufficiente a soddisfare tutte le richieste, ma se ciò dovesse venire meno realizzaremo, in collaborazione con ATA, un secondo punto”.

“La Liguria è una delle regioni più virtuose e ciò può essere anche dettato dal fatto che questa è una terra bellissima”, ha sottolineato Franco Barbetti, direttore del consorzio COOU, “e l’olio usato, in questo caso quello derivato dalle automobili e dalle industrie, incide in maniera particolare sull’ambiente. In Liguria non vi sono episodi fuori controllo e una cosa molto importante è quella di separare l’olio delle auto da quello della cucina affinchè possano essere riutilizzati al meglio visto che il 30% dell’olio usato per le auto viene da recupero e quest’olio di recupero può essere usato senza danni per i nostri mezzi. Questa è stata una giornata importante tanto da aver visto anche la presenza di ben 9 classi durante l’attività svolta con le scuole e del sindaco Caprioglio. Una cosa fondamentale è quella di non buttare l’olio nei tombini perchè se questo prodotto raggiunge l’acqua è davvero un disastro visto che i pesci e le piante non respirano più e sono destinati alla morte. I risultati sono soddisfacenti ma il nostro obiettivo resta quello di raccoglierne il 100%. La piccola parte che sfugge ancora alla raccolta si concentra soprattutto nel ‘fai da te’: per intercettarla abbiamo bisogno del supporto delle amministrazioni locali per una sempre maggiore diffusione di isole ecologiche adibite anche al conferimento degli oli lubrificanti usati”.

“Ho apprezzato molto l’iniziativa promossa dal consorzio, che ha portato la sua campagna educativa itinerante anche a Savona”, ha evidenziato il sindaco Caprioglio in visita al villaggio, “ed è  necessario sensibilizzare la cittadinanza, a cominciare dalle nuove generazioni, sull’importanza della tutela dell’ambiente, della raccolta differenziata e del riutilizzo. È un dovere civico di tutti impegnarsi maggiormente ed aumentare gli sforzi per aumentare la cultura del rispetto ambientale: per questo, iniziative come ‘CircOliamo’ sono sempre le benvenute nella nostra città” .

Nel 2016 il Consorzio, che coordina l’attività di 74 aziende private di raccolta e di 4 impianti di rigenerazione distribuiti sul territorio nazionale, ha raccolto in tutta Italia 177.000 tonnellate di olio lubrificante usato, un risultato vicino al 100% del potenziale raccoglibile, con un dato di prodotto avviato a rigenerazione superiore al 95%.

Il primo “CircOLIamo” venne realizzato nel 1994 e quella del 2015-17 è la prima campagna a zero emissioni, perché la quantità di CO2 generata sarà compensata attraverso interventi di forestazione in grado di assorbire la CO2 immessa in atmosfera. L’acquisto dei crediti, effettuato dal Consorzio, verrà intestato alla scuola che totalizzerà il maggior numero di punti durante il torneo “Green League CircOLIamo 2017”: la scuola vincitrice nel 2017 diventerà così “paladina” del Parco fluviale del Po e dell’Orba, contribuendo all’acquisto di 9 alberi da piantare e alla loro cura per tutta la durata della loro vita.

Telefonando al numero verde del Consorzio, 800 863 048 o collegandosi al sito www.coou.it, è possibile avere informazioni su come smaltire correttamente il proprio olio usato e il recapito del raccoglitore più vicino. L’olio usato può essere estremamente dannoso per l’ambiente e per la salute umana: 4 kg d’olio, il cambio di un’auto, se versati in acqua inquinano una superficie grande quanto un campo di calcio. Questo rifiuto, tuttavia, costituisce al contempo un’ importante risorsa economica per il nostro Paese perché può essere rigenerato e tornare a nuova vita con le stesse caratteristiche del lubrificante da cui deriva; dal 1984 ad oggi la rigenerazione dell’olio lubrificante ha consentito un risparmio complessivo di 3 miliardi di euro sulle importazioni di petrolio del nostro Paese.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *