domenica, Settembre 15, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > CITTADINO AL VOLANTE CITTADINO TARTASSATO

CITTADINO AL VOLANTE CITTADINO TARTASSATO

 Parlare di multe e con il pensiero andare alle immagini del classico film del 1960 del grande Alberto Sordi nella parte del vigile motociclista“ attenti curva della morte… si scivola…. sig Sindaco vada pure..” o alle parole della simpatica canzone di Biagio Antonacci sull’argomento è un tutt’uno. Multe più salate, automobilisti tartassati a 360°, certo con il 2013 multe più salate con aumenti di circa il 6% (decima volta), come indica l’Istat . Gli aumenti colpiscono specie chi lavora con l’auto. Bene ha presentato il problema Salvadanaio di Radio 24. Un provvedimento di blocco degli aumenti, come la attuale difficile situazione economica vorrebbe, è avvenuto in forma integrale per stipendi e pensioni, parzialmente per Benzina, Assicurazione, Poste, Autostrade… anche se si sono avute in alcuni casi lievitazioni sino a 13% , mentre per le sanzioni pecuniarie relative alle infrazioni al codice della strada, pur chiesto da tutte le forze impegnate nel sociale Ass. Consumatori, Sindacati, Aci… . non è stato possibile Perchè non si è avuto analogo provvedimento ? Il vecchio codice della Strada del 1959 non prevedeva adeguamenti automatici e ora la politica in crisi non ha tempo, preferisce fare sconto del 30% a chi paga entro 5 gg e rateizzare le multe superiori a 200 euro. Ovviamente lo sconto non vale per le spese di registrazione e di notifica a loro volta aumentate. Certamente le sanzioni pesano di più sul portafoglio dei meno abbienti che spesso non riescono a pagare perchè senza soldi. Ricorrere al Prefetto o al giudice di pace non è più possibile, non è conveniente, infatti dover versare una cauzione a partire da 38 euro dissuade . Forse sarebbe più etico e inciso un intervento sui “punti patente” Scendendo in una analisi delle situazioni se per gli interventi del personale delle forze dell’ordine si può almeno sperare (e spesso avviene) in una sapiente applicazione della norma, vera prevenzione e non in una intransigente repressione, certamente non si può sperare per le rilevazioni con i mezzi elettronici e allora pare servano in modo prevalente a far cassa. Le regole spesso difficili da applicare anche per le forze dell’ordine, es. limiti di velocità o catene da neve a bordo che variano in spazi troppo ravvicinati o al variare della Provincia quasi a voler testare più che aiutare l’attenzione del conducente Pino Rosso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *