Cultura e Musica

Claudio Gilio e il barocco nelle due Albisole

villa gavotti

Cinque anni fa nasce “Voxonus Festival”, la rassegna musicale a tinte barocche che illumina Albissola Marina e per questa edizione, in via eccezionale, anche Albisola Superiore. Sebbene la società sia poco attenta alla cultura nel territorio, il 9 Agosto si concluderà in bellezza la quarta edizione del festival.
I risultati appagano e anche tanto, ma non sono ancora in pari con l’impegno artistico e logistico dell’Orchestra Sinfonica di Savona, cuore pulsante e ideatrice di un progetto sistemico unico nel territorio.
Il presidente, nonché direttore artistico dell’Orchestra Sinfonica di Savona, Claudio Gilio, è stato ed è tuttora il volto della rassegna musicale non solo in veste di rappresentanza ma anche e soprattutto in qualità di prima viola dell’Orchestra Sinfonica e protagonista dell’Across Duo insieme al pianista Enrico Pesce.
L’impegno votato alla direzione dell’Orchestra Sinfonica di Savona e la caparbietà nel voler trasmettere la passione per la musica in tutte le sue sfumature mi ha permesso di incontrare il Maestro Gilio nel suo studio presso il Teatro Chiabrera di Savona ed intrattenere in sua compagnia una conversazione dalla quale sono nate interessanti domande e risposte riguardo “Voxonus Festival” e la musica barocca.

<<Cosa prevede lo studio della musica barocca e come la si presenta al pubblico?>
“Voxonus è il brand dell’Orchestra Sinfonica di Savona che si occupa degli studi sulla musica del Settecento e nel corso degli anni ha sviluppato una competenza specifica avvalendosi tra l’altro di esperti nazionali ai massimi vertici, ed è pertanto l’unico festival presente nel territorio con queste caratteristiche. Noi di Voxonus ci impegniamo a riprodurre i suoni e gli strumenti proprio come erano al tempo, ad esempio il violino barocco differisce dal violino moderno per montatura, e dunque per suono. Questo perché al giorno d’oggi si sacrifica la raffinatezza per esaltare la potenza mentre nel Settecento si curava la particolarità del suono, cosa alla quale si rinuncia nei grandi spazi teatrali. Peraltro nell’antichità veniva affidata a un solo strumento la riproduzione di altri strumenti o perfino rumori, come dimostrano Vivaldi o Boccherini, in termini tecnici questa tendenza settecentesca viene definita “musica descrittiva”.
Il nostro impegno costante ci permette di riproporre la musica di quel tempo in una suggestione che l’Ottocento e il Novecento hanno cancellato; ogni nota è la sillaba di una parola ed ha per questo grande importanza.

<<“Across Duo” ha riscosso molto successo Domenica 2 Agosto, qual è la sua identità e cosa vuole comunicare? >>
“Un altro brand della nostra orchestra sinfonica è proprio “Across Duo”, un duo formato dal sottoscritto e dal pianista, compositore Enrico Pesce, anch’egli di formazione classica ma proiettato nel mondo del crossover e del jazz. Il nostro obiettivo è di “contaminare” le pagine classiche, in questo caso barocche, con stili contemporanei, così da eseguirle in chiave sperimentale. “Across Duo” è un continuo dialogare tra viola e pianoforte, il risultato è esplosivo, veramente crossover perché attraversa tutti i generi e non annoia mai.”

<<Giovedì 6 Agosto sarà la data del penultimo appuntamento. Cosa presenterete a Villa Faraggiana?>>
“Gli ultimi due appuntamenti saranno dedicati al barocco tedesco e giovedì 6 Agosto proporremo un concerto dedicato a Bach che già lo scorso anno aveva riscosso molto successo, ci sarà un Concerto per violino il la minore, la Suite n.2 per flauto e orchestra, il Concerto per due violini .
Il 9 Agosto proporremo invece un compositore di levatura enorme, ma poco eseguito nel nostro paese: Georg Philipp Telemann.
Egli è stato molto amico di Bach e di Handel, autodidatta, oltretutto. E’ senza dubbio un’ottima occasione per conoscere nuovi aspetti della musica barocca.”

<<Quanta importanza ha avuto la scelta delle location?>>
“La scelta di una location che rispecchi la tematica del festival è stata la mia prerogativa fin da subito ed arrivai a Villa Farragiana, che tutt’ora ospita le serate del festival. E’ importante che l’ambiente sia raccolto, intimo, il più vicino possibile alle usanze settecentesche. Quest’anno si è aggiunta Villa Gavotti, un’eccezionalità in quanto residenza privata, abitata e pertanto non fruibile al pubblico.
La risposta del pubblico è stata formidabile, sempre più persone vengono a conoscenza del festival ed è solo la quarta edizione. Il progetto vuole proporre sempre produzioni esclusivamente “Voxonus” poiché vogliamo difendere questa realtà savonese senza cercare scorciatoie che contaminerebbero il nostro operato. Avvalendoci dei tesori architettonici del territorio vorremmo dare al festival sempre più visibilità, non solo in provincia.”

Linda Miante

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: