mercoledì, Aprile 24, 2019
Home > Attualità > Coinvolgimenti climatici, sconvolgimenti mentali!

Coinvolgimenti climatici, sconvolgimenti mentali!

Passato…. “Non ci sono più le mezze stagioni”: è una frase che io, che sto ormai percorrendo il mio quinto decennio, sento dire da tanto tempo, da ben prima ancora dell’anno 1974, anno di nascita di Valentina Bisti – ohimè quanto tempo ha già la mia vita – la bionda bellezza romana cui il “TG1” ha affidato il compito, insieme con la collega “sorella minore” Carlotta Mannu, di illustrare le previsioni del tempo! Anzi a volte la frase d’inizio, che si riterrebbe di più recente diffusione, l’ho udita, al tempo degli anni ancora verdi, nella forma contratta più draconiana “….non si sono più le stagioni” o nel pittoresco ed ambientato detto “…si va dal costume al cappotto!”

Ricordo anzi che i capricci climatici che comunque, checchè se ne dica, venivano osservati anche fra la fine degli anni 1960 e l’inizio dei ’70 venivano attribuiti, da qualche persona di una certa età ma non solo, niente meno che alle esplorazioni lunari – non entro minimamente nella polemica recente sullo scetticismo riguardo all’effettivo sbarco di un equipaggio di astronauti sulla superficie della Luna – e mi riecheggia ancora all’orecchio una sentenza che, pronunciata originariamente in dialetto, nella lingua patria suona: “..eh…da quando hanno toccato la Luna…!”
Già da un buon quarantennio pertanto si cerca un responsabile od un colpevole od un faustiano sfidante della Natura che è riuscito a cambiare il clima ed a sconvolgere le stagioni! Ricordo anche, però, un inverno molto mite, si era a gennaio e febbraio del 1971 – nel marzo successivo poi la stagione fredda riuscì ad infliggere ancora un colpo di coda – comunque di quei mesi ricordo che, col mio fratello maggiore, andavamo sulla spiaggia, nella nostra Celle, a far navigare in tutta tranquillità, nelle acque del Rio Santa Brigida – di recente assurto a notorietà, negli eventi cellesi, per gli imponenti lavori di arginatura in quanto, secondo la Regione, torrente fra i più potenzialmente temibili della Liguria, ma di ciò qui non si tratta – ebbene per far navigare in esso l’”Overcraft”, un giocattolo allora molto ambito, un piccolo anfibio telecomandato, che papà aveva voluto regalarmi per Natale! Orbene, per ritornare all’argomento, allora nessuno aveva nulla da ridire se d’inverno si susseguivano giornate miti che del resto in Riviera non sono eccezionali ed anzi qualcuno immaginava ed immagina che qui l’inverno sia sempre così! Non si parlava di eventi straordinari, non ci si sognava di riferirlo al telegiornale; anzi, allora del tempo non se ne parlava quasi mai; era ancora ricorrente la battuta che designava gli inglesi come coloro che ne parlavano sempre, forse perché i figli di Albione, che, avendo dato origine alla figura del “gentlemen”, venivano ritenuti i depositari delle buone maniere, serbavano sempre, in tale modo, un argomento valido di conversazione per mettere comunque a proprio agio un interlocutore, qualsiasi grado di familiarità si avesse con costui e qualsiasi livello di cultura possedesse; si continuava a lasciare a loro, pertanto, la prerogativa di discorrere del tempo!

Presente….
Oggi, invece, del tempo se ne parla troppo ed il TG1, ad esempio, la prima domenica di marzo 2007, effettivamente una giornata pienamente primaverile, riportò come prima notizia che quella giornata, ancora d’inverno, era stata eccezionale – la seconda domenica di quello stesso mese non fu così mite, tra l’altro – ! Del resto, essendo le vicende climatiche, anche quelle più prossime, fra le maggiormente soggette all’amnesia, che senso ha far paragoni con stagioni di anni precedenti se non si ricordano neppure quelle di una settimana prima? La verità, secondo me, é un’altra!
I cambiamenti climatici, veri o supposti che siano, sono una calamità non così sgradita ed anzi si immagina – e giornali e televisione sono alfieri di tale immaginazione – che i cambiamenti climatici comporteranno ben altri cambiamenti….perchè oggi é di moda l’estate, con tutti i suoi corollari: l’abbronzatura, le gite in barca – e la vera estate é quella al mare, altrove il clima può anche non cambiare! – le bevande fresche e colorate e naturalmente l’esibizione dei costumi da bagno! E che cosa non si intravvede nell’avvento della futura era di perenne estate se non un altro modo di riscattare l’umanità dalle passate sofferenze, dai brividi di freddo, dall’invecchiamento? Perché l’estate é giovane, d’estate ci si spoglia e ci si mette in mostra; l’inverno invece, con le sue rimembranze di ghiacci e di nevischi, di algidi venti di grecale e di biancori di brina mattutina, di cappotti e di giacconi, di sciarpe e guanti ed anche di vetri appannati, di stufe e termosifoni, di caldarroste e di minestre e polente fumanti – quando invece d’estate bisogna bere due litri di acqua al giorno e rimpinzarsi di frutta fresca e vestirsi di indumenti chiari, leggeri e comodi – …ebbene l’inverno é vecchio, noioso, va appena bene per lo sci, ma per il resto…per il resto tutti sono a favore dell’estate! Entrambe le parti in lizza nella disputa climatica lo sono; sia quella ecologista, ambientalista, antimondialista, che ritiene che le attività umane, sempre più imponenti ed abbisognanti di enormi quantità di energia, inducano sconvolgimenti dell’atmosfera, sia quella liberista, aziendalista, globalista, che non può ammettere che l’altra parte abbia qualche ragione e pertanto non gliela da nemmeno riguardo al clima; comunque io non vedo nessuno contrario all’estate. Non lo sono coloro che credono ai cambiamenti climatici, preconizzano catastrofi e temono che, come ipotizzava un film americano, tutto questo riscaldamento, tutto questo “effetto serra”, anziché regalarci la perenne estate provocherà l’avvento, in poco più di una settimana, di una nuova era glaciale; non lo sono coloro che non credono ai cambiamenti climatici e che, se davvero fosse in corso il riscaldamento globale, non vedono in esso nulla di male, innanzi tutto perché sono contro agli anti-globalisti e poi perché, in fin dei conti, si potrebbe andare alla spiaggia tutto l’anno e pertanto non sarebbero nemmeno contrari ad incrementare le emissioni che provocano l’effetto serra! Entrambe le parti sono a favore dell’estate e, nei sogni di vacanza, continua a campeggiare la sagoma della nave da crociera che parte per le”benefiche lontananze”, dove si trovano una palma ed una spiaggia corallina dove andare a rilassarsi sulla sedia a sdraio – perché l’uomo di oggi, perennemente sotto “stress”, perennemente desidera di rilassarsi – !
Chi è invece a favore dell’inverno, anche fra coloro che fanno la parte di Cassandra nelle previsioni sul clima futuro? Chi attende con piacere la stagione fredda ed è affascinato dai paesaggi invernali come quelli che si possono ammirare in Riviera, quando si vedono le montagne innevate far da quinta agli uliveti ed alla distesa del mare? Chi?

Conclusione….
Il cambiamento epocale è fra l’età del colonnello Bernacca e quella attuale della Bisti.
Il colonnello Edmondo Bernacca: i più giovani non possono immaginare un tale personaggio; vestito, al suo debutto in televisione, dell’uniforme dell’aeronautica che, nel “bianco e nero” televisivo degli anni 1960, appariva di un innaturale grigiore, cercava, coi mezzi del tempo, di spiegare con chiarezza e con semplicità, per la pubblica utilità, gli eventi climatici secondo una scuola meteorologica rigorosa di ancor prima della seconda guerra mondiale!
Valentina Bisti non è un colonnello, non è una meteorologa, ho letto da qualche parte che è laureata in lettere; la Bisti, a dire la verità, non espone neppure le previsioni del tempo! A lei, bellissima, che assomiglia anche un po’ all’allegorica “Primavera”, secondo la celebrata raffigurazione del grande Botticelli, penso sia demandato un compito un po’ diverso da quello delle solite “previsioni”, ovvero, annunciare se farà bel tempo oppure no! Qui sta la differenza: oggi si “prevede” se domani splenderà il sole e ci si rallegrerà oppure se domani pioverà e saremo tristi!
Si attende che l’estate sia calda e non a caso il caldo “record” ha sostituito il più popolaresco “caldo boia”; e quando finalmente arriva il caldo che si aspetta si precisa, affinchè faccia ancora più caldo, come la temperatura “percepita”, secondo le circostanze, sia più elevata di quella registrata, così da tranquillizzare i fedeli dell’estate! Tutto ciò mentre un coro insistente, di cui un personaggio del calibro di Al Gore è portavoce, continua a metterci in guardia sulle emissioni di anidride carbonica, sulla desertificazione, sugli eventi atmosferici eccezionali di cui noi abbiamo colpa….!
Qualcuno, che non sono io, ha una volta affermato che la fine del mondo non avverrà attraverso un evento di terribilità apocalittica ma sarà simile allo spegnersi di un cerino!
Se davvero l’uomo scomparirà dalla faccia delle terra per i cambiamenti climatici di cui ha colpa, non perirà nei flutti irosi di una tempesta spaventevole ma, senza acqua, senza frutta e verdura che tutti i dietologi prescrivono ma che, appunto, senza acqua non crescono, si assopirà, in una spiaggia assolata, sotto un ombrellone, comodamente disteso su di una sdraio e col cellulare in mano!

Giorgio Siri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *