Home > Attualità > Colletta di Castelbianco: Pietra e Telematica

Da borgo abbandonato ad "esperimento" del futuro: un volume commemorativo lo racconta

Colletta di Castelbianco: Pietra e Telematica

Da borgo abbandonato ad "esperimento" del futuro: un volume commemorativo lo racconta

 

Colletta di Castelbianco è un borgo di origine medievale, sulla strada che risale la Val Pennavaira, a ridosso delle Alpi marittime liguri; è una delle quattro frazioni che formano il comune di Castelbianco. Danneggiato dal tristemente famoso terremoto del 1887, che provocò rovine pure in altri centri della montagna ligure, era,  vent’anni fa, in abbandono. Rivive grazie al progetto di Giancarlo De Carlo ( Genova,1919 – MIlano, 2005), architetto, urbanista, teorico dell’architettura, uno dei fondatori di “Team x”, un movimento che prendeva in considerazioni aspetti “utopici” dell’architettura, di fuga dal presente; possono essere le premesse per la riuscita dell’intervento di restauro che a lui venne affidato, che comportò anche l’installazione di connessioni a banda larga in tutto il paese, Colletta così divenne forse il primo antico Borgo telematico al mondo

Colletta, naturalmente anche a motivo dei suoi pregi ambientali, attirò italiani e stranieri a formare un’interessante comunità internazionale, oltre a  riuscire ad assumere il ruolo di attrazione turistica durante l’intero arco dell’anno. Il centenario della nascita di De Carlo è stato l’occasione per realizzare un libro interessante sulla storia del borgo, dai primi remoti insediamenti, sino al complesso intervento di recupero urbano, senza trascurare informazioni sulla zona, di particolare ed unica bellezza, e sui prodotti enogastronomici locali, argomento oggi di grande richiamo.

Il libro su Colletta è stato presentato il 20 aprile, sabato di Pasqua, in una giornata di festa, durante la quale il gruppo musicale, “I conigli alla Ligure”, ha intrattenuto gli ospiti con musica popolare ligure e tradizionale italiana.

Il volume è composto da 12 capitoli  di

Giancarlo De Carlo

14 autori, 10 italiani e 4 stranieri, e comprende appunto i vari argomenti che trattano del passato e del presente di Colletta, dai primi insediamenti alle impegnative opere di ricostruzione del borgo, alla enogastronomia ad al dialetto locali. Erano stati invitati tutti gli autori del volume insieme con i fotografi che hanno contribuito alla stesura libro.

Il libro, pubblicato in italiano e inglese, è diviso in due parti, la prima architettonica, con tre interventi, la seconda storica e sociale con nove contributi. L aprefazione è dell’architetto norvegese Ole Wiig, uno dei collaboratori di De Carlo, fra gli autori del progetto per l’ attuale aeroporto di Oslo,uno degli stranieri residenti a Colletta, dove vive una comunità di manager, architetti ed imprenditori!

Prefazione

Preface

Ole Wiig

  1. Ripristino e ricostruzione di Colletta di Castelbianco – un’esperienza ventennale
    Restoring and redeveloping Colletta – a twenty year experience
    Alessandro Pampirio
  2. Colletta: uno straordinario e innovativo caso di recupero urbano
    Colletta: an outstanding innovative case of urban renovation
    Mauro Moriconi
  3. La visione del restauro e “nuova vita”
    The vision of the restoration and ‘new life’
    Antonio Troisi and Monica Mazzolani

INDICE / CONTENTS

  1. Codice Genetico – il DNA di Colletta
    Codice Genetico – the DNA of Colletta
    Ole Wiig
  2. Evoluzione storico edilizia del borgo
    Settlement history and architectural evolution
    Lorenza Comino and Simona Lanza
  3. La vita del borgo, ieri e oggi
    Village life, then and now
    Trevor Chapman
  4. Le sculture di Colletta
    The sculptures in Colletta
    Bruno Noble
  5. L’uomo e la natura, architetti della Val Pennavaire
    Man and nature, architects of the Val Pennavaire
    Stefano Pezzini
  6. Vini in valle
    Wine in the valley
    Gerry Delfino
  7. Il dialetto della valle
    The dialect of the valley
    Stefano Pezzini
  8. Castelbianco e l’outdoor – Castelbianco and outdoor recreation Alberto and Stefano Balbo
  9. Uno sguardo al futuro …
    A peek into the future …
    James Horan

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *