sabato, Luglio 20, 2019
Home > Cultura e Musica > Colombo, un’identità sbagliata

Colombo, un’identità sbagliata

Quest’analisi non riguarda il luogo di nascita del Grande Ammiraglio, ma la sua vera identità, l’appartenenza ad una famiglia di nome Colombo, che non era quella che gli è stata attribuita da molti studiosi, in primis da Paolo Emilio Taviani. Secondo la tesi di Taviani, Cristoforo Colombo era il figlio di Domenico Colombo, tessitore di panni di Genova-Quinto e di Susanna Fontanarossa, originaria di Quezzi (Genova).

Ora, per appurare l’identità di una persona, è necessario ricostruirne le parentele, i legami familiari. Nel caso di Colombo la cosa non risulta facile, perché si tratta di un cognome che, nel ‘400 esattamente come oggi, era uno dei più diffusi dell’Italia Settentrionale. Vediamo dunque che cosa sappiamo del Grande Navigatore, partendo dai genitori. Ecco la prima sorpresa: nessun contemporaneo di Cristoforo Colombo conosceva il nome di sua madre. A rigor di logica, persino il nome del padre, Domenico, non è del tutto certo. E’ citato solo due volte, quasi casualmente, dall’Oviedo e poi nelle Historie, una biografia attribuita al figlio di Cristoforo, Fernando, pubblicata solo ad oltre trent’anni dalla morte di quest’ultimo. Si conoscono poi due fratelli, Bartolomeo e Giacomo. Di quest’ultimo, in Castiglia chiamato Diego, non si sa praticamente quasi nulla. E’, però, vero che, dopo la Scoperta dell’America, a partire dal 1497, fanno la loro comparsa due parenti dei Colombo, Giovanni Antonio ed Andrea Colombo. Ora vediamo di verificare se quanto sappiamo su tali personaggi trovi corrispondenza negl atti notarili degli Archivi di Stato di Genova e di Savona, perché su questi si basa essenzialmente la tesi di Taviani. Negli atti viene nominato un Domenico Colombo, padre di un Cristoforo, di un Bartolomeo, di un Giacomo, di Bianchinetta e di Giovanni Pellegrino. Tralasciamo pure la spinosa questione se tutti questi documenti si riferiscano o meno ad una sola famiglia, e passiamo, non conoscendo il nome della madre, all’elemento decisivo: Giovanni Antonio ed Andrea Colombo, parenti dell’Ammiraglio. Secondo Taviani, Giovanni Antonio sarebbe da identificarsi con un cugino primo di Cristoforo, che, in due diversi documenti di un solo atto notarile del 1496, figura come Giovanni Colombo, detto Giannetto. Giannetto, che ha altri fratelli dei quali non si riscontra menzione in nessun documento colombiano, né in Spagna, né altrove, dovrebbe recarsi in visita all’illustre parente. Dato che, nei documenti spagnoli, tutti i nomi stranieri vengono tradotti, questo cugino dovrebbe risultare come Juan (Giovanni) o Juanoto (Giannetto). Invece lo troviamo sempre, solo ed esclusivamente tradotto in Juan Antonio, a volte omettendo il cognome Colombo. Quindi il nome non corrisponde alla traduzione in spagnolo, ma nemmeno corrispondono la professione o il grado di parentela. Infatti Giannetto Colombo di Genova Quinto è documentato dagli atti notarili genovesi, per tutta la sua vita, dai 14 anni sino alla soglia dei 50, come artigiano, ora apprendista sarto, ora tessitore di panni. Juan Antonio invece è una persona che ha studiato, forse laureato in legge, che si occupa, sin dal suo arrivo in Castiglia, di rappresentare gli interessi economici di Cristoforo, e di trattare per suo conto con i più importanti banchieri di Siviglia e della Castiglia. Tutto questo è ampiamente documentato, a partire dal 1497 e sino al 1515, quindi anche dopo la morte di Cristoforo, quando Juan Antonio funge da amministratore e da tutore degli interessi economici dei due figli, Diego e Fernando. E’ un personaggio di assoluta fiducia della famiglia Colombo, al quale, durante il terzo viaggio, Cristoforo affida il comando di una parte dell’equipaggio, sia in navigazione che a terra, quando deve affrontare la ribellione di Francisco Roldàn. Appare dunque del tutto evidente che Juan Antonio Colombo nulla ha a che spartire con Giannetto Colombo di Genova Quinto. D’altronde, viste le difficili circostanze nelle quali si trovava Cristoforo nel 1496-1497, vedi dissensi con la Corona, di quale utilità gli sarebbe stato un parente che per tutta la sua vita altro non aveva fatto se non l’artigiano? Chi di noi affiderebbe la maggior parte dei propri interessi economici ad uno che di professione fa l’elettricista? Quindi, riguardo Juan Antonio: il nome non corrisponde, la professione e le attitudini del personaggio tanto meno e, infine, neppure il grado di parentela coincide con quello di Giannetto. L’affermazione, su quest’ultimo punto, è di una studiosa del calibro di Consuelo Varela, secondo quanto scrive nel libro “Colombo e i Fiorentini “, alle pagine 124 e 135, dove definisce Juan Antonio nipote di Colombo (Vallecchi Editore, Firenze 1991). E’ evidente che la Varela si ricollega ad una lettera nella quale è Cristoforo stesso che lo chiama Juan Antonio e lo indica come fratello di Andrea Colombo, nipote dello Scopritore. Questo Andrea Colombo compare alla vigilia del quarto ed ultimo viaggio di Cristoforo nelle Americhe: anche lui è una persona istruita, incaricata di tenere i conti relativi alle spese del viaggio. Lo ritroviamo in una citazione del 1532, quando è capitano di nave ed armatore, sempre definito nipote di Cristoforo. Negli Archivi di Stato di Genova e Savona non c’è traccia di nessun Andrea Colombo, tantomeno di questo personaggio : non c’è n’è abbastanza per concludere che Cristoforo Colombo apparteneva ad un’altra famiglia? Se poi vogliamo spingerci più in là, perché mai Cristoforo e i suoi fratelli avrebbero trascurato il proprio padre, ancora vivo dopo la Scoperta, la sorella Bianchinetta, i nipoti e tutti gli altri parenti, mantenendo rapporti solo con Giovanni Antonio ed Andrea? In realtà il fatto che le parentele non coincidano per nulla, è evidenziato e ritenuto determinante anche da Guadalupe Chocano Higueras nel suo libro “La cuna y origines de Cristobal Colon” (Palafox e Pezuela, Madrid 2006), e non è che la più importante fra le innumerevoli incongruenze della tesi relativa a Genova Quinto, incongruenze che spesso permettono a portoghesi e spagnoli di sostenere che Colombo non era italiano. (segue)

 

Filippo De Nobili 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *