domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Attualità > Come cambia il Codice della Strada

Come cambia il Codice della Strada

Sulle strade, per spostarsi, serve guardarsi davanti, dietro, sopra e sotto. Dopo aver sentito tutte le categorie interessate, la proposta di legge che vorrebbe modificare alcune parti dei 410articoli e 19 appendici del Codice della Strada: come muoversi in strada, la conduzione dei veicoli, la gestione della strada, sta per passare all’esame delle forze politiche, che sembrano tutte interessate ad approvarla (entro 3mesi). Siamo alla convergenza politica per la riforma del Codice della Strada, dopo l’analisi in Commissione, sta per passare in aula. Ecco i punti salienti:
-Limite di velocità massimo da 130 a 150m/h, in autostrade a tre corsie +1 per emergenza e con asfalto drenante, cerca convergenze. Considerato che gli incidenti sono più numerosi sulle strade urbane ed extraurbane e che il vecchio limite è stato fissato fissato nel 1990, mentre le auto da allora sono migliorate in sicurezza con impianti complementari elettronici automatici. Forse anche i Gestori Autostrade preferiscono non variare il Codice Stradale piuttosto che effettuare migliorie -Uso cellulare La Polizia e l’Istat lo indicano causa di troppi incidenti, specie messaggiando. Previsti aumenti di pene.: sospensione patente alla 1a infrazione per 1settimana/1mese, alla 2a per 1/3 mesi -Patenti sospese. La sentenza della Cassazione ha stabilito che la sospensione patente di 3anni per chi ha avuto incidenti stradali in stato di ebbrezza o sotto l’effetto stupefacenti e poter rifare esame per una nuova licenza di guida, si calcola non dalla data dell’incidente, ma dalla data di passaggio in giudicato della sentenza.
-Moto Ammettere in autostrada anche le cilindrate 125cc purché guidate da 18enne, essendo praticamente eguali: alle 150, piuttosto ridurre i pedaggi per le moto troppo alti rispetto auto -Alcool test Non dovrebbe cambiare, invece mancano mezzi per controlli immediati per sostanze stupefacenti -Parcheggi gratis in strisce blu per detentori di permessi “H” Il regolamento non è unico, in tutta Italia -Bici contromano, precedenza ai semafori, parcheggi sui marciapiedi hanno fatto scalpore In realtà pare che le Associazioni ciclisti, le abbiamo presentato alla Commissione. Trasporti della Camera in una proposta di legge da realizzarsi nelle”zone 30” velocità 30Km, a basso rischio di incidentalità. Invece l’uso della bicicletta incentivato (pubblico e privato), per acquisto o uso (30cent/Km), potrebbe alleggerire il traffico riducendo l’inquinamento con controllo tramite Sistema Navigazione Satellitare, utile per rider (ciclo fattorini ) -Educazione stradale nella Scuola Ha doppio valore: educa i giovani che poi redarguiscono i genitori per infrazioni al Codice Stradale “Ma papà!!!”

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *