domenica, Gennaio 20, 2019
Home > Attualità > Come intitolare il nuovo ponte di Genova? Ecco una proposta

Come intitolare il nuovo ponte di Genova? Ecco una proposta

Si potrebbe scegliere una amata santa genovese per l'intitolazione del nuovo ponte?


di SIMONA BELLONE - 2 Gennaio 2019, 10:04

La nostra amica della Val Bormida, Simona Bellone, Presidente dell’Associazione Caarteiv, scrittrice ed artista, ci invia il seguente pezzo per siuggerire una intitolazione significativa al nuovo ponte che sostituirà il Morandi.(Giorgio Siri)

Il nome più indicato e rappresentativo di Genova, per intitolare il ponte nuovo simbolo internazionale e commerciale ligure, è la Santa Virginia Centurione Bracelli (Genova 1587 – Genova 1651), nobildonna genovese che dedicò la sua esistenza ai poveri, (la nostra Madre Teresa di Calcutta italiana) raffigurata del 1985 da Corrado Mazzari sopra il cielo dell’antica Repubblica marinara di Genova. Fu fondatrice della congregazione religiosa delle Suore di Nostra Signora del Rifugio in Monte Calvario, dette Brignoline, con sede a Genova, e di quella delle Figlie di Nostra Signora al Monte Calvario, con sede a Roma. Ricorrenza religiosa 15 dicembre.

In questo ultimo quinquennio ho dedicato i miei studi al suo ramo genealogico dinastico, per ricostruire la storia dell’ultimo ramo dei Principi Centurione Scotto, il quale tramutò il Monastero S.Stefano di Millesimo, di loro proprietà, in Castello Centurione restaurandolo ed abbellendolo. Ho quest’anno pubblicato due volumi storici di approfondimento storico e fotografico, ribadendo che anche il capitano della Regia Aeronautica Vittorio Centurione Scotto (Genova 1900 – Varese 1926), militare e sportivo da record, al quale l’Aeronautica gli avrebbe dovuto dedicare l’Aeroporto genovese nel 1938 e il Comune di Millesimo un parco nel 1984, è caduto ahimè nel più abissale oblio, come anche il principe Carlo Centurione Scotto onorevole deputato della Camera (Genova 1877- Alassio 1958) , le quali armature storiche da circa 80 anni fanno bella mostra nella sala consiliare del Comune di Millesimo, senza targa commemorativa.

Spero che la Liguria non dimentichi le sue figure più illustri, con l’augurio in particolare a tutti i genovesi per una rinascita in un futuro prosperoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *