lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Cultura e Musica > “Come poli che si attraggono”, recensione del romanzo di Giada Sordi

“Come poli che si attraggono”, recensione del romanzo di Giada Sordi


di Redazione - 4 Febbraio 2019, 15:01

Giada Sordi, giovanissima scrittrice spezzina, ha presentato a Savona, al Libraccio,  il suo libro “Come poli che si attraggono”.  Padrino dell’evento è stato il nostro direttore Roberto Pizzorno, che presentato il romanzo. Presenti anche i  due giovanissimi modelli della copertina, Fabio Sordi e Giulia Mineo.

Il romanzo parla di una ragazza delusa da una storia d’amore finita male. Si basa molto sul fatto che la protagonista, dopo aver avuto questa enorme delusione sentimentale, rimane molto scettica nei confronti dell’amore e non riesce a voler ammettere nemmeno dopo mesi i suoi reali sentimenti verso un nuovo ragazzo, per paura di essere travolta e coinvolta dalle troppe emozioni, rischiando cosi di poter nuovamente soffrire. La delusione avuta con Michael, che l’ha indotta a lasciare la sua Cambridge, la trattiene dall’abbandonarsi una volta per tutte al suo nuovo amato: ne deriva una condizione di limbo al tempo stesso sublime e crudele, poiché Hope, la protagonista inglese del romanzo, è coinvolta e confusa allo stesso tempo dai sogni che Jack tiene viva in lei, ma al tempo stesso non arriva a ricavarne una certezza. È estasiata da Jack, ma allo stesso tempo timorosa e impaurita di poter sbagliare nel lasciarsi andare. Lei è piena di amore per Jack e al medesimo tempo ne ha paura.

Nella storia il nuovo amore riuscirà a cambiarla moltissimo e quell’attrazione mai provata prima la confonderà per tutto il romanzo. Poi spetterà ai lettori scoprire durante la lettura, se Hope, la protagonista, riuscirà a stare lontana da questa fortissima attrazione verso il nuovo ragazzo, oppure no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *