domenica, giugno 24, 2018
Home > Politica > Comuanli nel savonese: Melgrati la spunta ad Alassio

Comuanli nel savonese: Melgrati la spunta ad Alassio


di Giorgio Siri - 11 giugno 2018, 20:53

Marco Melgrati ha vinto, ad Alassio, la sfida più appassionante della competizione elettorale nei sette comuni savonesi al voto amministrativo. Dopo lo scrutinio, i cui risultati sono stati resi noti nella notte, Alassio ha rimesso Melgrati al posto di Sindaco, già da lui occupato dal 2001 al 2010. In quegli anni ad Alassio erano state avviate opere pubbliche di grande respiro e promosse manifestazioni di notevole rinomanza e gli alassini, evidentemente, lo hanno ricordato e, con quasi 2000 voti di preferenza, hanno scelto lui, come sindaco; l’appoggio ufficiale del centro-destra ad Enzo Canepa non ha fermato l'”outsider”, ritornato trionfalmente sulla scena. Anche ad Imperia, Scajola è in testa; ciò deve costituire un motivo di riflessione per il Centro-destra, il cui elettorato si è voluto sentire libero.

“Dove eravamo rimasti? – .così ha affermato Melgrati, sedendo alla scrivania dell’ufficio del Sindaco, al Palazzo municipale di Alassio, citando la famosa frase con cui Enzo Tortora, finalmente affrancato dalle sue traversie giudiziarie, si ripresentò al pubblico televisivo!Oggi l’insediamento e, per i prossimi giorni, sono in programma la convocazione del Consiglio Comunale, l’incontro con i dirigenti del Comune, le urgenze che già paiono numerose.

“Devo dire che questo ufficio, questa scrivania – si è ancora così epresso Melgrati– ce l’ho nel cuore; e devo ringraziare questa squadra meravigliosa per il grande risultato conseguito. Non è stato facile, avevamo contro tutti, ma credo abbia prevalso l’amore dei cittadini di Alassio per la loro città. In mezzo all’euforia generale il neo Sindaco promette: “Di sicuro il primo impegno sarà l’abolizione della Tassa di Soggiorno, poi inizieremo un percorso perché Alassio torni ad essere una città pulita, curata nell’arredo urbano, e vivace. Nel rispetto di tutti. Cercheremo di fare squadra col territorio per condividere sinergie di sviluppo sotto ogni profilo”.

Negli altri Comuni, in breve, a  Carcare viene riconfermato Christian De Vecchi che si è imposto sul candidato di centro sinistra Alessandro Lorenzi; va comunque considerato il buon risultato del candidato appoggiato dal Pd; a Cengio, Francesco Dotta  può festeggiare la rivincita su Fabio Poggio: l’attuale sindaco, alle precedenti elezioni, era stato sconfitto per pochi voti; nella presente tornata elettorale, ha fatto invece il pieno con oltre il 77% di preferenze; a Ceriale, Luigi Romano ha vinto la sfida contro tutti, stretti in liste civiche; Romano, con una lista trasversale, ha spezzato una lunga tradizione di giunte legate al centro destra;  Laigueglia, vittoria trionfo per Roberto Sasso del Verme, segretario provinciale della Lega Nord, sostenuto dal grosso del centro – destra.Anche a Rialto, riconferma con la  la vittoria di Valentina Doglio, consigliere della maggioranza uscente, che ha vinto il duello in rosa con Stefania Marchese. La Doglio ha ottenuto quasi il 90% dei voti del piccolo comune dell’entroterra pietrese. A Sassello ha vinto Daniele Buschiazzo, sindaco uscente, che ha battuto lo sfidante Maurizio Bastonero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *