martedì, Novembre 19, 2019
Home > Politica > Comunali 2011, analisi del voto

Comunali 2011, analisi del voto

Le comunali di Savona confermano il sindaco uscente Federico Berruti al primo turno smentendo gli allarmi del segretario PD. Gli astenuti sono cresciuti dello 0,57% . Va inoltre aggiunta l’assenza di 1.279 elettori rispetto alla precedente tornata elettorale. Calo anche per i voti conformi alle norme. Nel 2006 si espressero validamente 35.522 elettori. Le amministrative odierne registrano una discesa a quota 34.293. Ben 1.229 voti validi in meno. Diminuzione più marcata per l’espressione del voto di lista. Sempre nel 2006 ci furono 32.961 voti, ad oggi solo 31.474. La crescita delle astensioni ha inoltre permesso una maggiore incisione sulla percentuale ottenuta dal Sindaco eletto che ha raggiunto il 58% seppure, in termini di voti assoluti, il calo reale è di 1.256 voti.

Sul fronte del centrodestra il risultato è ai minimi storici. Per la prima volta, da quando si vota col sistema previsto dalla legge 81/93, il candidato dello schieramento berlusconiano ha raccolto meno di 10.000 voti (di questi 8.979 sono le preferenze dirette). Marson non supera la prova di tenuta rispetto al suo antesignano Delfino con una calata nel vuoto di 2.360 voti. Sembra aver inciso la “questione morale” esplosa pochi giorni fa con l’arresto di un consigliere comunale uscente e candidato del centrosinistra. Il vero successo è infatti quello del Movimento Cinque Stelle. L’exploit dei grillini raggiunge il 9% con 3.089 voti. Di questi si nota una minima ripartizione tra i singoli candidati evidenziando il carattere fortemente di lista, come spesso accadeva nella prima repubblica. La c.d. “zona franca” o area al di fuori dei due poli sale così al 15,81% (5.428 voti), rispetto all’8,55% (3.042 voti) del 2006. A dispetto dei pronostici il movimento di Beppe Grillo funge da catalizzatore sia per i cittadini storicamente orientati a sinistra come per quelli di destra. L’Italia dei valori, vicina a questa corrente su base nazionale, non ha invece ottenuto la stessa crescita. Non male la prova di Sinistra e Libertà salita rispetto alle Regionali del 2010 dal 3,0 al 4,8 che, in termini di voto assoluto, corrisponde ad un passaggio dai precedenti 875 voti per arrivare agli odierni 1.527. Il partito di Vendola sfiora così dello 0,2% il risultato prefisso. Per quanto riguarda le altre forze schieratesi in campo Futuro e Libertà non dimostra la presunzione di raccogliere voti di dissenso dal centrodestra. Le 465 preferenze targate FLI, pari all’1,4%, cozzano contro il successo dell’UDC. Il partito di Fini si riduce così in netta minoranza negli equilibri del neonato Terzo Polo. Diminuzione anche per la lista civica “Noi Per Savona” in coalizione coi Verdi e i socialisti. Flop per le due ali più estreme. Si attestano sul’1% la Nuova Destra Savonese di Ugo Ghione in coalizione con Forza Nuova e il Partito Comunista dei Lavoratori di Ferrando.

Simone Poggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *