sabato, Agosto 17, 2019
Home > Attualità > Comune di Varazze: condomino sempre moroso

Comune di Varazze: condomino sempre moroso

Il Comune di Varazze non demorde e continua a non riconoscere di dover versare gli importi di spettanza delle spese di gestione al Comprensorio dei Piani d’ Invrea, di cui il Comune risulta essere proprietario di varie quote millesimali tra cui il parcheggio della Baia del Corvo e un appezzamento di terreno nei pressi del condominio Giardini del Beigua, come già avevamo riferito. Pertanto ci proveranno i mediatori della Camera di Commercio a dirimere la disputa sulle spese condominiali, che si trascina ormai da oltre un decennio, opponendo il Comune di Varazze e gli amministratori del Comprensorio dei Piani d’Invrea che, ogni anno, chiedono il pagamento.

Puntualmente, lo scorso autunno, era pervenuto al Comune il consueto preventivo delle spese condominiali, e, altrettanto puntualmente, il Comune aveva citato in Tribunale il Comprensorio, con la richiesta di annullare la delibera condominiale. Lo scorso 26 gennaio si è tenuta un’udienza e il giudice ha invitato le parti ad avviare un tentativo di mediazione affidandosi ai conciliatori della Camera di Commercio. L’appuntamento è fissato a Palazzo Lamba Doria, sede della Camera di Commercio,per il prossimo 2 marzo e il Comune ha già anticipato che sarà presente, con il patrocinio dell’avvocato Luca Viscardi. Ma non è detto che si possa pervenire alla risoluzione della complicata vicenda, che si intreccia in una serie di ricorsi e controricorsi ed è  giunta sino alla Corte di Cassazione.

La prima sentenza risale al 2006; successivamente, il Comprensorio, di fronte alla resistenza del Comune, si era rivolto al Tribunale di Savona che aveva riconosciuto la fondatezza della richiesta, stabilendo che il Comune di Varazze avrebbe dovuto versare all’ Amministratore la somma di 240 mila euro ovvero l’ammontare del debito che si è venuto ad accumulare nel corso degli anni. Contro la sentenza la giunta municipale aveva presentato ricorso, ottenendo, nel 2013, la sospensione dell’esecutività del provvedimento.

In quella sede, la Corte d’Appello aveva disposto una consulenza tecnica d’ufficio, demandando al perito il compito di accertare secondo quali criteri erano state determinate le quote di gestione a carico del Comune. Ricostruite le tabelle, le quote e fatte le somme, il risultato non è cambiato e il ricorso contro la sentenza del 2012 è stato respinto. La giunta municipale ha promosso ricorso in Cassazione contro questa sentenza, ma nel frattempo sono giunte altre annualità da pagare, con conseguenti nuovi contenziosi davanti al Tribunale di Savona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *