Cronaca

Con Costa affondano le crociere?

Il naufragio Della Costa Concordia del 13 gennaio scorso, al di la’ delle considerazioni Sulla tragedia umana e le conseguenti responsabilita’ , crea delle perplessita’ sulle conseguenze economiche che si avranno sul settore nell ‘ immediato e nel futuro, alla luce anche dell’incendio avvenuto nella sala macchine Della Costa Allegra il 27 febbraio scorso. La Costa crociere S.p.A. , leader del mercato crocieristico in Europa ,presentava un fatturato relativo all’ ultimo bilancio approvato nel marzo 2011 e relativo all’ anno 2010, di quasi 3 miliardi di Euro con un incremento del 12% rispetto al 2009.

E’ prevedibile che il bilancio per il 2011, che sara’ approvato a breve , presentera’ ancora un incremento del volume di affari per il 2011. Il naufragio di Costa Concordia e’ avvenuto in un momento in cui il settore Si presentava in pieno boom , con un incremento dei passeggeri passato dai 3 milioni del 2005 ai 5,5 del 2010 e , secondo le stime, i 6 del 2011. La crescita del mercato si e’ avuta mentre in America nello stesso periodo vi e’ stata una stagnazione o addirittura un lieve calo. Il disastro della Concordia a cui Si aggiunge l’incendio dell’Allegra ,rischia seriamente di compromettere questa crescita che sembrava non avere fine, a dispetto Anche della recessione . Se tutto cio’ Si verifichera’ , ci saranno ripercussioni su quei Paesi che ne hanno tratto vantaggio , principalmente l’ Italia, la Gran Bretagna e la Germania , sui cantieri navali e sull’ economia delle citta’ che si trovano lungo le rotte di navigazione. Sicuramente l’ incendio su Costa Allegra peggiorera’ ulteriormente la situazione Per la compagnia di proprieta ‘ Carnival, ma con sede a Genova, si prevede un 2012 ” nero ” , con previsioni di grave flessione nellie prenotazioni, con tutte le inevitabili conseguenze, non ultima quella sui posti di lavoro.

Comment here