domenica, Dicembre 8, 2019
Home > Attualità > CONCESSIONI BALNEARI, VERTENZA VERSO LA CONCLUSIONE?

CONCESSIONI BALNEARI, VERTENZA VERSO LA CONCLUSIONE?

di Giorgio Siri

La vertenza sulle Concessioni balneari, innescata dall’applicazione della “Direttiva Bolkenstein” – il provvedimento europeo che stabilisce che le concessioni di servizi debbano essere aggiudicate a mezzo di gare pubbliche aperte a livello comunitario – forse è avviata alla conclusione. Proprio a seguito della sentenza, del 14 luglio 2016, della Corte di giustizia dell’Unione Europea. Presentata con allarmismo dalla Stampa nazionale, in realtà, ad un attento esame, come effettuato dal Sindacato Italiano Balneari, la sentenza non è così sfavorevole ai balneari italiani. Infatti, se la Corte Europea ha negato la proroga automatica delle concessioni e quindi la dilazione sino al 2020, a suo tempo decisa dal Governo, con legge 228 del 2012, nel contempo “riconosce la necessità di tutelare il legittimo affidamento per le concessioni demaniali marittime se, al momento del rilascio, sia stata osservata una pubblica evidenza”, come si legge sul sito del Sindacato Italiano Balneari. In altre parole sembra che, pur nella determinazione di voler giungere all’applicazione della direttiva, la Corte di Giustizia Europea consideri con un certo riguardo le concessioni attualmente esistenti e tenga anche conto della necessità, da parte dei concessionari, di poter ammortizzare gli investimenti effettuati.

La sentenza demanda al Giudice nazionale la verifica della legittimità delle proroghe, quando appunto siano stati rispettati i requisiti di pubblicità richiesti e demanda pure al Giudice nazionale la verifica dell’ambito di applicazione della direttiva Bolkenstein, ovvero il riscontro della “Scarsità di risorse” cioè dell’effettiva porzione di demanio da affidare tramite asta pubblica e il Sindacato Balneari ha stimato che, in Italia, le attuali imprese balneari occupino solo il trenta per cento del demanio disponibile e pertanto non sussisterebbe il problema della “limitatezza delle concessioni”.

Il Governo è intervenuto, con un “provvedimento ponte” a rendere valide le concessioni in atto “nelle more della revisione e del riordino della materia in conformità ai principi di derivazione comunitaria”. E’ stato anche eliminato il termine del 30 settembre 2016 entro il quale la legge di Stabilità prevedeva la riforma dei canoni demaniali marittimi. Il Sindacato Balneari auspica venga presto varata una seria legge di riforma dell’uso del demanio. Impegno che il Governo si è assunto e che, si spera, possa giungere ad una definitiva regolamentazione della spinosa materia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *