sabato, Aprile 20, 2019
Home > Attualità > Consiglio comunale di Albenga

Consiglio comunale di Albenga


di SELENA BORGNA - 10 Aprile 2019, 16:15

È andato in scena nella serata di ieri l’ultimo consiglio comunale dell’amministrazione Cangiano perchè a partire dall’11 aprile nei Comuni al voto sarà possibile convocare consigli comunali solamente in caso di urgenze indifferibili, mentre per tutto ciò che riguarda la normale pianificazione bisognerà attendere l’insediamento della prossima amministrazione.

Convocata alle 19 e con ben 13 punti all’ordine del giorno, la seduta si è aperta con un ricordo commosso da parte del presidente del consiglio Vittorio Varalli, e di tutti gli amministratori comunali, per la mamma dell’assessore ai servizi sociali Simona Vespo, recentemente scomparsa.

Quindi, parola al sindaco di Albenga Giorgio Cangiano che, nelle consuete comunicazioni iniziali, ha voluto ricordare e porre l’accento “sulla drammatica situazione che stanno vivendo i dipendenti Piaggio e Laerh, invitando il Governo a non perdere più tempo e ad assumere una posizione chiara e concreta per risolvere le problematiche di queste attività fondamentali sia da un punto di vista occupazionale che strategico”.

In apertura, poi, i consiglieri di Forza Italia Eraldo Ciangherotti e Ginetta Perrone hanno ritirato l’ordine del giorno da loro presentato ed avente ad oggetto “Appello al Ministero dell’Interno per adeguamento della Caserma del Vigili del Fuoco di Albenga”. E non sono mancate alcune contestazioni in merito da parte della maggioranza.

Dopo il ritiro della prima pratica, si è passati alla discussione della mozione, sempre presentata dal duo forzista, sul “Regolamento comunale per la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali locali. Istituzione della Denominazione Comunale (De.Co)”. E anche in questo caso non sono mancate accese polemiche, con uno scambio piccato di battute tra il consigliere Ciangherotti e il sindaco Cangiano.

“Scopriamo questa sera che l’amministrazione ha nel cassetto una bozza di regolamento per la DeCo. Hanno nel cassetto una bozza di regolamento ed ai primi di marzo convocate associazioni di categoria”, ha dichiarato Ciangherotti, “ed è da piú di un anno che dico che che la De.Co è un punto di partenza sui cui lavorare perché fondamentale dal punto di vista turistico. Votando no alla nostra mozione l’amministrazione dimostra di non avere alcuna bozza di regolamento, ma solo un plico di fogli prodotti da non si sa chi e contenenti non si sa cosa. Sulla De.Co questa amministrazione ha fallito facendo annunci e promesse in merito che non sono state mantenute”.

La mozione è stata respinta dalla maggioranza perchè, come sostenuto dal primo cittadino “si è ritenuto necessario fare prima un ulteriore passaggio con le Associazioni di categoria per approvarne il testo ed i contenuti con la richiesta delle associazioni stesse. Questo è per noi un modo serio di trattare una pratica di tale importanza; sicuramente Albenga si doterà di questo grande strumento ma oggi non puó essere approvato per una questione di tempistiche”.

E’ stata invece approvata la “Carta dei servizi delle farmacie comunali”; si tratta di un documento, redatto a seguito di una convenzione sottoscritta con Assoutenti, che permette ai consumatori di conoscere i contenuti e le modalità di accesso ai servizi offerti e gli standard di qualità, consentendo anche di presentare suggerimenti, proposte ed eventuali reclami.

Si è quindi passati ad uno dei punti più importanti  in discussione del consiglio comunale ed è arrivata l’approvazione all’acquisizione da parte del Comune di Albenga delle quote societarie, per un  valore di 50.000 euro, di Sca Srl (Servizi Comunali Associati) e così l’ente comunale entra a far parte di una società pubblica, insieme ai Comuni di Alassio, Laigueglia e Villanova d’Albenga, che a sua volta farà parte della nuova società consortile “Acque Pubbliche Savonesi – SCPA”, costituita da Sca, Servizi Ambientali e Consorzio Savonese, in modo da garantire la gestione pubblica del servizio idrico integrato. 

Anche in questo caso non sono mancate le discussioni e le osservazioni, in particolare da parte del consigliere e segretario della Lega Cristina Porro che ha definito “tardiva la discussione di una pratica di tale importanza, trattandosi dell’ultimo consiglio comunale utile prima delle elezioni amministrative e un atto di prepotenza da parte dell’amministrazione la decisione di discuterlo e approvarlo”.

Altra pratica cardine della seduta del parlamentino ingauno, l’approvazione del punto all’ordine del giorno riguardante il “Puc – Adozione del rapporto ambientale aggiornato e delle modifiche al progetto di piano adottato approvate”. 

“In relazione alle prescrizioni inviate dalla Regione”, hanno spiegato dalla giunta, “per alcune si è proceduto ad allegare nuovi approfondimenti, mentre per altre, anche a seguito di collaborativi incontri tra gli uffici comunali e regionali, si è dato atto che derivavano dall’analisi del Puc, non nella sua configurazione attuale, ma in quella precedente anche per problematiche di disallineamento dipendenti dalle contrastanti previsioni dell’art. 38 legge 36/1997 successivamente modificata”.

È stato quindi approvato il nuovo Rapporto Ambientale e si è provveduto all’adozione formale delle modifiche conseguenti alle controdeduzioni: documenti che saranno oggetto di pubblicazione per consentire eventuali osservazioni. 

Il consiglio comunale si è espresso, infine, per quanto riguarda il Piano d’Area Omogenea per la Gestione dei Rifiuti che prenderà il via a partire da gennaio 2021 per una gestione “in house” del servizio ed il consiglio comunale ingauno ha indicato, così come faranno gli altri 26 Comuni facenti parte dell’Area Omogenea, il Comune di Albenga quale “Comune Capofila” del Bacino di affidamento di Ponente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *