domenica, novembre 19, 2017
Home > Attualità > Continua la mostra di Claudio Zunino al castello di Monastero Bormida.

Continua la mostra di Claudio Zunino al castello di Monastero Bormida.


Fase dell’evento “Il valore di un Ricordo”: l’impegno del Comune, dell’ Ass. Naz. Div. Acqui e del Centro XXV Aprile in memoria dei Caduti di Cefalonia e Corfù.


di Redazione - 14 novembre 2017, 9:05

Monastero Bormida

Monastero Bormida. Sino a domenica 10 dicembre prosegue a Monastero Bormida la mostra di Claudio Zunino nelle sale espositive del castello medievale sede del Comune. L’artista, nativo di Olbicella, è l’autore del disegno intitolato “Ai Caduti della Divisione “Acqui” che ha ispirato il monumento in ceramica “Il valore di un Ricordo” rievocante, a sua volta, la loro tragica vicenda, realizzato dagli artisti-ceramisti albisolesi Paolo Giallombardo e Cinzia Astaldi e da essi donato al Comune di Monastero Bormida nel corso d’un incontro, svoltosi domenica 5 novembre, nel salone del castello, dedicato al ricordo dei Caduti della Divisione “Acqui” e di quelli di tutte le guerre. L’evento è stato curato, con la supervisione del critico d’arte e giornalista Federico Marzinot) dell’Amministrazione comunale e del “Centro XXV Aprile”, con sedi a Savona, Albisola e Bubbio

Logo Centro XXV Aprile

e ha avuto, tra i vari, il patrocinio dell’ Associazione Nazionale divisione Acqui (ANDA),

Logo dell’ANDA

che ha inviato in rappresentanza il proprio presidente della sezione di Bologna, Ferrara e Modena, Orazio Pavignani, a cui si deve un ampio resoconto della giornata pubblicato sulle pagine del sito ufficiale dell’associazione: http://www.associazioneacqui.it/pagine/news.html

Nei prestigiosi saloni della storica struttura monasterese, Zunino  espone oltre quaranta dipinti, emblematici del suo recente percorso d’artista.

Bozzetto di Claudio Zunino

Assieme al disegno dedicato alla Divisione “Acqui”, egli propone altre opere che svolgono temi di alto impegno, come  l’esodo dei profughi giuliano-dalmati e l’accoglienza ai migranti. Il sentire ispirato dalla musica e dai versi di cantautori o da un forte evento di cronaca o dalla partecipata attenzione ad un manifestarsi della natura oppure alle suggestioni d’un paesaggio costituiscono altrettante chiavi di lettura delle opere di Zunino esposte a Monastero Bormida. In esse emergono frequenti, voluti richiami a Caravaggio ed a Vermeer ed alla loro attenzione alla presenza della luce, ed una figuratività che rimanda talora al linguaggio pittorico della Metafisica. Elementi di un’arte che evoca una ricerca delle proprie radici e la memoria. Un intento sostanzialmente non dissimile da quello dello stesso Pavignani, autore del volume:

Inseguendo mio padre. Cronaca di una ricerca: la Divisione Acqui settembre 1943”, Minerva, Bologna 2016

 ( http://www.percorsistorici.it/26-numeri-rivista/numero-4/179-orazio-pavignani-inseguendo-mio-padre.html ).

Una riuscita commistione fra romanzo autobiografico, cronaca, storia e memoria che, come suggerisce il titolo, riguarda una ricerca intima e personale sulla partecipazione di suo padre Marino alla vicenda della Divisione Acqui dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943. Il libro si snoda in nove capitoli iniziali autobiografici in cui l’autore racconta il suo percorso in maniera appassionata e spontanea, uno stile che risulta coinvolgente per il lettore proprio perché scevro sia da orpelli stilistico-linguistici sia da quel talvolta freddo rigore “scientifico” da ricercatore storico, definizione nella quale egli stesso non si riconosce.

 

Pavignani è tutt’ora presidente della sezione di Bologna, Ferrara e Modena dell’Anda, fa parte della Giunta esecutiva nazionale dell’associazione con la carica di redattore del notiziario nazionale e curatore del sito internet www.associazioneacqui.it. Ha realizzato anche una splendida e documentatissima mostra storico fotografica dal titolo La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù nel settembre 1943 che è stata esposta in 65 sedi in Italia, fra le quali Palazzo d’Accursio a Bologna nel 2014, ricevendo la Medaglia di Rappresentanza della Presidenza della Repubblica. La mostra, previ accordi, è disponibile per allestimenti da parte delle amministrazioni locali e di altri Enti e Associazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *