venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Sport > Convegno “1, 2, 3 Sport – Le età dello sport – etica sportiva ed autostima”

Convegno “1, 2, 3 Sport – Le età dello sport – etica sportiva ed autostima”


di FELICINO VANIGLIA - 6 dicembre 2018, 13:46

L’incontro perfettamente organizzato sotto l’egida della Libertas e in collaborazione con Coni Savona dall’associaziione Move Up ad Alassio a partire dalle ore 18 presso l’Auditorium dell’Istituto Salesiano, ha riscosso un grandissimo successo. “Un due tre… Sport!” ha preso vita animato dal nobile fine di sapere e di potere scoprire le diverse dinamiche dello sport a seconda delle età della vita. E’ stata una conferenza fortemente voluta dal dinamico direttivo dell’ASD ben rappresentato dal suo presidente Elena Quaglia e dall’istruttrice responsabile dell’area fitness Cristina Bosio a cui si sono uniti naturalmente il prof. Mimmo Ottonello Coordinatore e don Giorgio Zazza rispettivamente il coordinatore educativo didattico e il direttore dell’Istituto Don Bosco di Alassio che di Move Up, ospita tutte le attività. Con il Patrocinio dell’Assessorato alla Sport del Comune di Alassio, l’iniziativa si è prefissata lo scopo di analizzare e di promuovere lo sport nelle diverse età della vita:scolare, adolescenziale e adulta.E’ stata infatti un’occasione per approfondire, ma soprattutto sensibilizzare anche gli spettatori meno inclini al movimento, a ricredersi e darsi da fare per recuperare il prezioso tempo perduto. Un parterre di relatori esperti e qualificato ha approfondito questo tema in ambito sociale, tecnico e motivazionale. Si è partiti con i saluti di rito tra cui non potevano mancare quelli di Roberta Zucchinetti (regina olimpionica della ‘barca a vela’ e consigliera comunale incaricata allo Sport : “Forse mi ripeterò ma come ex agonista, praticante e amante dello sport, seguo con grande entusiasmo l’attività delle società che, al di là dell’attività sul campo, cercano di promuovere una vera cultura dello sport che non è solo competizione, ma è prima di tutto crescita personale e sociale”.Si è poi partiti a razzo con il prezioso contributo della dott.ssa Virida Castelbarco, esperta in scienze e tecniche psicologiche, che ha fatto scoprire con l’ausilio di slides ed aneddoti come ogni età si rapporti con lo sport in una visuale un insolita, il tutto introducendo vocaboli come “resilienza” o facendo riferimento a miti del calibro di Nelson Mandela. Gli è subentrato poi un trio composto in successione dal dottor Felicino Vaniglia sociologo e commissario tecnico Libertas, dalla già citata Elena Quaglia  e da Fabio Basket allenatore a livello agonistico di basket, che si sono cimentati sul concetto di “agonismo”, sulle attenzioni che i genitori dovrebbero mettere in atto per la scelta e lo svolgimento dell’attività motoria adeguata,
sulle false aspettative o strategie di crescita di un potenziale talento all’interno di un club, sui principi etici e comportamentali ideali da seguire quali  il fair play, la lealtà, il rispetto delle regole. Si è entrati di seguito, grazie ai contributi di Mimmo Ottonello Preside Ist. Salesiano, Marisa Ravera docente di educazione fisica e Cristina Anelli avvocato e presidente provinciale LibertasA, nel vivo delle vicende che coinvolgono l’attività sportiva in quanto  potenziale valido deterrente contro abitudini poco salutari e fonte di autostima e gratificazioni. La recente introduzione nel POF di esperienze sportive varie grazie alla collaborazione con associazioni sportive: basket, danza, fitness, pallavolo, ecc…. va proprio in questa direzione.Lo sport come strumento di attenzione e di socializzazione, le testimonianze di ragazzi border line e le relative conseguenze legali e penali sono stati temi che hanno destato notevole interesse.Infine per l’età più adulta molto apprezzati si sono rivelati i report del dott. Lucio Porcu medico Libertas e di Cristina Bosio tecnico Libertas area fitness. Entrambi seppur da prospettive diverse hanno concentrato la loro attenzione sugli aspetti salutari e motivazionali nella pratica dello sport quando i cambiamenti dell’età modificano anche la sfera emotiva e strutturale; sui vantaggi di una costante attività fisica in qualità di benessere e prevenzione di varie malattie; sui vantaggi della pratica quotidiana all’interno dei corsi di gruppo. Al cav. Roberto Pizzorno delegato Coni e Presidente Regionale Libertas è toccato il compito di chiudere i lavori. Ponendo l’accento sulla formazione, vero punto di forza dell’ente di promozione da egli rappresentato (” gli insegnanti e gli istruttori devono essere qualificati e preparati non solo tecnicamente, ma devono saper creare da un punto di vista umano un ambiente familiare ed avere attenzione per ogni singolo atleta”) e sottolineando come vi sia la volontà di operare anche a livello periferico specie nel Ponente, ha provveduto coadiuvato dallo staff Move Up a consegnare agli oratori in ricordo della riuscita manifestazione una simbolica confezione di “Baci di Alassio”, gustosa specialità dolciaria della Baia del Sole.Visto il gradimento e l’ottimo risultato si sta pensando seriamente a riproporre l’evento in altri comuni liguri desiderosi di ospitare una così encomiabile tavola rotonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *