Attualità

Coronavirus (Covid-19) pesante pandemia

DI PINO ROSSO
Questa pesante influenza virale ha prodotto in Italia un pesante fardello di infettati e morti, nonché notevoli danni all’economia, industria, turismo, oltreché alla formazione dei giovani (Scuola mettendo a rischio la conclusione prevista dell’anno scolastico). Alcune Scuole hanno organizzato attività didattica online, a domicilio, ma non basta dire ai ragazzi non dimenticatevi di studiare. Forse creerà, porterà cambiamenti migliorativi nel nostro stile di vita, infatti tutte le crisi creano, impongono impegno a rinnovare, affinare, utilizzare le nuove tecnologie. In Sanità dobbiamo rivedere il numero dei medici, i posti letto negli ospedali, specie per la rianimazione. La chiusura delle Scuole potrebbe portare a nuovi metodi di insegnamento, insegnamento a distanza, non solo a declamare “ragazzi continuate a leggere, a studiare” e se si prorogherà un po’ l’anno scolastico pazienza, ma senza danneggiare troppo l’Industria del Turismo. Prima la salute, non basta 1mt di distanza. Le perdite ammontano a 7 miliardi e interessa tutto il paese in tutti i settori, specie quello vacanziero. Portare il lavoro a casa e specie per la mamme lavoratrici, sarebbe un toccasana con Scuole chiuse) che non possono contare sulla assistenza parentale. L’Europa poi deve trovare una linea comune per un problema che interessa tutti, magari aprendo se del caso, gli ospedali militari, con il loro personale, le caserme vuote, riducendo gli spostamenti, i disagi, meno male che la popolazione capisce. La Difesa opera insieme alla Protezione Civile e mette a disposizione, oltre alle caserme, il personale medico ed infermieristico, anche i suoi aerei militari, per far rientrare i nostri connazionali in difficoltà sanitarie dall’estero, specie dalle “zone rosse”. Positivo che nella emergenza si è trovata da parte di cittadini, politici, deponendo le polemiche e le battaglie politiche. Invece poco spirito di collaborazione e dialogo, ma critiche e giudizi malevoli si sono riscontrati da parte dei Paesi vicini stranieri, invece di una UE unita e pronta a collaborare. Invece di consapevolezza e serietà a collaborare, divisioni, persino parlare di contagi, morti con la comicità anche dopo il giorno 11/3/2020 in cui l’OMS aveva dichiarato la pandemia.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: