Attualità

Coronavirus, segni di miglioramento

“I numeri confermano una tendenza che dipendente soprattutto dalle disposizioni di distanza sociale che sono state prorogate al 14 aprile. Poco fa ho firmato un’ordinanza con la quale chiedo ai Sindaci di individuare eventuali zone da precludere alle persone e, in particolare nelle giornate di Pasqua e Pasquetta, evitare al massimo gli assembramenti”. Così si è espresso il Presidente della Regione, Giovanni Toti, ieri sera, nella consueta comunicazione alla stampa sulla situazione del contagio Coronavirus

“Al momento – così ha spiegato oti – sui test sierologici siamo avanti, sul personale sanitario regionale su 1.959 delle varie Asl più circa 2.000 al San Martino, con positività intorno al 5% e, nel secondo caso sotto il 3%. La prossima settimana saranno diramati i dati per ogni singola Asl. Sono al momento 20mila le persone che la Regione vuole testare in totale ed oggi sono stati eseguiti circa 2.000 test nell’area extragenovese”.

Toti ha confermato l’ordinanza che dispone il cosiddetto ‘test drive’ al virus, ovvero la possibilità di eseguire il tampone in modo veloce, anche senza scendere dall’auto, nei territori di pertinenza di tutte le Asl della regione. Il Presidente della Regiona ha confermato pure l’arrivo di tre milioni di mascherine, smenmtendo un po’ l’allarme di Vaccarezza.
Tali dispositivi di protezione verranno distribuiti con priorità agli operatori sanitari, alle Rsa ed alle pubbliche assistenze, in un secondo momento, in numero di 750.000, saranno destinate ai lavoratori in attività ed alle associazioni di categoria che le hanno richieste. Altri 2 milioni di mascherine verranno confezionate in buste sterili da due unità per essere distribuite alla popolazione, con l’aiuto della Protezione Civile.
Continuano ad emergere dati positivi, nelle ultime ore: prima della della crisi erano in numero di cento, nella nostra regione, i posti per le terapie intensive, oggi sono duecento più una ulteriore cinquantina su tutto il territorio ligure. Stanno diminuendo l’afflusso ai pronto soccorso ed i ricoveri in terapia intensiva ma il livello di attenzione non deve diminuire. Sono attualmente una cinquantina i degenti in terapia intensiva; i medici hanno migliore dimestichezza con la malattia e pertanto riescono ad affrontarla più incisivamente. Testimonia di una situazione di minore emnergenza il ricorso al 118: a marzo 80 ambulanze su 100 erano impegnate per il trasporto di pazienti contagiati da covid 19, ora sono settanta.
Successivamnete il Presidente Toti ha partecipato all’incontro Stato-Regioni, con la presenza del Presidente del Consiglio, Conte, per le future disposizioni.

.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: