sabato, settembre 22, 2018
Home > Attualità > Crescono i contratti di lavoro, ma nell’83% dei casi sono di breve durata

Crescono i contratti di lavoro, ma nell’83% dei casi sono di breve durata


di Redazione - 2 marzo 2018, 17:36

Piano-Giovani-Lavoro

Chiusura d’anno (2017) con numeri in rialzo in campo occupazionale in Liguria. Lo scorso anno, a fronte di 192.309 contratti di lavoro sottoscritti, quelli cessati sono stati 177.993, con un saldo di 23.158 contratti, superiore di 2.423 unità rispetto a quanto registrato nel 2016. Il dato è quindi largamente positivo, anche se va preso con qualche cautela. La prima è che il numero dei contratti non si traduce automaticamente in posti di lavoro, in quanto essendo il rapporto di lavoro nella grande maggioranza dei casi di breve durata, lo stesso soggetto può sottoscriverne due o anche più nel corso dello stesso anno.

La seconda, legata a quella precedente, è evidenziata dall’analisi dei numeri effettuata dall’Ufficio economico della Cgil ligure, che sottolinea come nel corso del 2017 il numero dei contratti a tempo indeterminato sottoscritti, ovvero quello che si poteva definire “posto fisso”, è passato da 25.365 a 22.316, con una flessione del 12%, mentre i contratti a tempo determinato sono passati da 111.833 a 143.327 (+28,2%) e quelli stagionali sono cresciuti da 13.607 a 17.609 (+29,4%).

Se alle assunzioni a tempo indeterminato si sommano quelle con contratto di apprendistato (9.057, +19,4%), si raggiunge la cifra complessiva di 39.925 contratti di lavoro stabili, pari al 17% del totale dei contratti sottoscritti nel corso dell’anno. Il che significa che ben l’83% delle assunzioni – oltre 4 su 5 – sono di tipo precario, legato a servizi che hanno delle impennate stagionali seguite da periodi di stasi se non proprio di inattività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *