Home > Attualità > Crisi di Governo, crisi di Identità

Dove ci porteranno le elezioni che tutti vogliono?

Crisi di Governo, crisi di Identità

Dove ci porteranno le elezioni che tutti vogliono?

La commedia è ormai finita: una commedia durata un anno, che molti commentatori, la maggior parte, intravvedevano come tale, da quando si era insediato il “governo del cambiamento”, mentre altri, la parte minore, continuava a ripetere, anch’essa da un anno, che gli altri annunciavano sempre cadute del governo che, sempre, erano di là da venire; e poi la caduta del governo e della sua maggioranza fatta a tavolino sulla base di un “contratto” che tanto faceva pensare a quello famoso di Berlusconi, è venuta davvero e poco dopo un anno dall’entrata in carica del Governo Conte! Cose da prima Repubblica, avrebbe ancora il coraggio di dire qualcuno, che non ha ancora capito che non c’è piu prima Repubblica della seconda e non parliamo della terza di cui, sempre con l’amenità che contraddistingue un certo modo di dire, non dico di pensare perchè pensare è già un’attitudine impegnativa, qualcuno continua a parlare, così come a chiamare “governatori” i Presidenti delle Regioni, ma la Repubblica è sempre quella, in mancanza di revisioni sostanziali di assetti istituzionali – non l’ho detto io-, e meno male, viene da dire, almeno rimane una parvenza, meglio, un’obbligo di rispetto di normative e di comportamenti istituzionali, ora che i capipopolo hanno in mano la piazza mutevole, desiderosa di certezze poco certe se non, purtroppo, di avventure, anche se finte; anche se poi si sa che le avventure rimarranno, appunto, nel libro delle avventure e molti, anche nel caso, in cuor loro, penseranno “meno male”! E non parliamo dei 49 milioni di finanziamenti illeciti, di cui la Corte di Cassazione ha prescritto il reato di truffa ma non la restituzione, che dovrebbe avvenire in ottant’anni – che neppure erano la durata del pagamento delle riparazioni imposte alla Germania dal Trattato di Versailles nel 1919, che, in teoria, sarebbero state estinte negli anni 1980 e che poi, in realtà, furono congelate già nel 1932! – Più da “prima repubblica” di così non si saprebbe a quale esempio ricorrere! Non cadde, per fatti del genere, proprio quella che si definisce la “Prima Repubblica”, o meglio, i partiti che sino ad allora, nel bene o nel male,ne avevano guidato le sorti, ed invece ora tutti se ne infischiano? Non fu, nel 1992  e sino al 1994, una questione di finanziamenti illeciti a far crollare tutto, a far chiudere i battenti alla Democrazia Cristiana, a far prendere a Bettino Craxi la via dell’esilio? La Lega – allora Nord – ingrassò su quelle vicende, come negli anni recenti è ingrassata l’antipolitica grillina-pentastellata che ha dipinto il Parlamento come una banda di ladri e fannulloni e ora? Ora Grillo stesso, il guru imprevedibile che tutto fa e tutto disfa, proclama che è necessario formare un Governo contro i barbari! Ma dopo aver evocato il mostro è difficile esorcizzarlo ed è la Lega ora, forte dei sondaggi, a fare la voce grossa! Pur se chi di sondaggio ferisce, di sondaggio non rischierà di perire? Questa crisi però, nella sua essenza, sembra una crisi di identità; ventisette anni dopo quella che si dice la “Fine della Prima Repubblica”, comunque, ribadisco, un evento supposto, più sensatamente la fine di una stagione politica, non si è ancora instaurato un assetto politico-partitico – perchè i partiti esistono sempre anche se non si chiamano più partiti – affidabile, autorevole,con un sostrato culturale e ideologico altrettanto forte e rappresentativo di quello, con tutti i limiti delle cose umane – come aveva scritto, in altro contesto, il Cardinal Micara, per appoggiare il “Cartello Don Sturzo” nelle famose elezioni comunali romane del 1952 –  che apparteneva ai cosiddetti “Partiti tradizionali”, che si accompagna al vuoto culturale che da più parti viene denunciato, comunque esagerando a mio avviso, sempre più profondo ed evidente, che si manifesta specialmente nelle enormità e nelle insensatezze che tutti, senza ritegno, possono mettere in rete! Sinora si era però andati avanti, in un modo o nell’altro e quantunque da quarant’anni si dica e si ripeta che siamo sull’orlo del baratro,e sono appunto passati quarant’anni; ora, per la prima volta, è comparso invece un elemento realmente preoccupante ed anche questo non l’ho detto io, ovvero il tentativo di spostare il nostro Paese dal quadro delle sue alleanze tradizionali; Paese fondatore dell’Unione Europea e membro autorevole del Patto Atlantico, l’Italia rischia di scivolare, per velleità particolaristiche che comunque non ne trarrebbero alcun vantaggio, nell’orbita di “Potenze straniere”, con altri e diversi fini, rispetto a quelli che abbiamo condiviso,dal dopoguerra  e pertanto per decenni, coi Paesi cui siamo legati da amicizia a da trattati! Una riflessione che vale per coloro che erano chiamati i “benpensanti”: non fa pensare che i legami con la Russia e le associazioni di amicizia con quel Paese, ora prerogativa della Lega, fossero, un tempo, retaggio del vecchio PCI ed altrettanto, come ora, in sospetto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *