lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Attualità > Crociere in recupero nel 2018

Crociere in recupero nel 2018

Dopo un 2017 in netto calo, di cui abbiamo riferito la scorsa settimana, per l’anno in corso ci si aspetta una crescita del +7,3% del numero di crocieristi nei porti italiani. La stima è dell’agenzia marittima e turistica Cemar Agency Network di Genova, che ha oggi presentato le proprie previsioni per il settore crocieristico nell’ambito del “Seatrade Cruise Global”, evento internazionale sul settore delle crociere che si chiuderà giovedì a Fort Lauderdale, in Florida.

«L’Italia delle crociere – ha sottolineato il presidente dell’agenzia genovese, Sergio Senesi – rialza finalmente la testa e si riallinea al trend internazionale, che vede il settore in costante crescita. Le previsioni 2018 indicano infatti, per i nostri scali, un incremento del 7,3% in termini di passeggeri».

Il numero dei crocieristi 2018 è stimato in 10.859.000 unità rispetto a 10.120.279 nello scorso anno, nonostante la proiezione in leggero calo delle toccate nave: 4.564, pari al -0,54% rispetto alle 4.589 del 2017. Sono 141 le navi previste nelle acque italiane contro le 138 del 2017.

Nel 2018 sarà sempre il porto di Civitavecchia il primo porto crocieristico italiano con 2.427.000 passeggeri in transito (+10,69% rispetto al 2017). Seguiranno Venezia con 1.449.000 passeggeri (+0,16%) e al terzo posto Genova con 1.023.000 passeggeri (+10,6%), quindi Napoli con 986.000 crocieristi (+0,4%), Savona con 963.000 (+12,7%) e Livorno con 724.000 (+3,7%). La classifica dei primi dieci porti italiani è completata da Palermo (+13,8%), Bari (+29,8%), La Spezia (-12,8%) e Messina (-10,8%).

Quest’anno il maggior volume di traffico crocieristico nei porti italiani sarà dovuto alle navi di MSC Crociere con le quali viaggieranno 3,1 milioni di passeggeri, al secondo posto Costa Crociere con 2,6 milioni seguita da Royal Caribbean con 860 mila passeggeri. Ottime – secondo Cemar – anche le primissime valutazioni sulle previsioni per il 2019 – forse un po’ in anticipo –  con un’ulteriore crescita che tenderà agli 11,4 milioni di crocieristi (+5,5%).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *