Non ci sono ancora notizie precise riguardo al crollo del viadotto Morandi di Genova, a due ore dal drammatico evento; si ha notizia di qualche persona estratta dalle macerie, comunque in vita, ed avviata all’Ospedale San Martino. Speriamo bene, anche se un crollo di tale portata potrebbe davvero, come dice il ministro Toninelli, comportare un”immane tragedia”. Il viadotto collega l’autostrada A10 con il casello di Genova Ovest, da cui si raggiungono il porto commerciale e i terminal dei traghetti. È uno degli snodi principali del traffico autostradale genovese: intitolato a Riccardo Morandi, l’architetto che lo aveva progettato, attraversa il torrente Polcevera. Costruito tra il 1963 e il 1967 dalla Società Italiana per Condotte d’Acqua, è noto come «Ponte delle Condotte» dalla società che lo costruì, ma è o meglio era, ancora più popolarmente noto come «Ponte di Brooklyn» per la struttura che può richiamare il celebre ponte americano – ottocentesco -; forse più per l’arditezza della costruzione e comunque se somiglianza c’è, si riscontra maggiormente con l’altro famoso ponte newyorckese, il coevo “Da Verrazzano”, aperto nel 1964. Il viadotto del Polcevera era stato costruito in cemento armato precompresso per l’impalcato e cemento armato ordinario per le torri e le pile. Era stato inaugurato il 4 settembre 1967 alla presenza del Presidente della Repubblica di allora, Giuseppe Saragat;  negli anni è stato oggetto di diverse manutenzioni.