venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Crollo ponte Morandi, il messaggio dell’Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime

Crollo ponte Morandi, il messaggio dell’Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime


di Redazione - 15 agosto 2018, 11:53

Incredulità e sconvolgimento. Questi gli stati d’animo che pervadono tutti noi in uno dei giorni più tristi che recente storia italiana ricordi. Decine di morti e tanti feriti nel crollo del ponte Morandi a Genova. Un crollo che pareva annunciato da diverse denunce, anche politiche, e relazioni tecniche. Di problemi quel ponte ne aveva tantissimi, e da decenni, per le modalità con cui è stato costruito nel lontano 1967, le aggressioni climatiche cui era sottoesposto, e per la quadruplicazione del traffico negli ultimi trent’anni. Piangiamo le Vittime e ci stringiamo ai loro familiari e ai feriti superstiti. Senza dimenticare l’impatto psicologico devastante per chi è sopravvissuto e per chi vi ha assistito, per i quali saranno necessari interventi di contenimento della perdita per i familiari sopravvissuti e di elaborazione del fatto per chi ne è stato, suo malgrado, testimone. Senza dimenticare l’eroico coraggio di chi, in queste ore, sta rischiando la vita per estrarre corpi e superstiti dalle lamiere schiacciate e dalle macerie, e che mai dovrà spegnersi la luce sulle cause di questa assurda tragedia che sì è trasformata in una strage indimenticabile per tutti noi Italiani, fino a quando i responsabili non saranno individuati e adeguatamente puniti. E senza dimenticare che sono decine di migliaia i ponti, in Italia, che necessitano di sistematico controlli e manutenzione. Perché non possiamo vivere in uno stato di emergenza continuo, bensì abbiamo, noi tutti, il diritto di vivere in un contesto sociale e infrastrutturale degno di uno Nazione civile.

Elisabetta Aldrovandi

Presidente Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime

Angelo Bertoglio 

Coordinatore Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *