domenica, novembre 19, 2017
Home > Cultura > “Da Varazze al Mondo: l’itinerario di Lelio Basso nel Novecento”, un appuntamento con la storia e l’utopia

“Da Varazze al Mondo: l’itinerario di Lelio Basso nel Novecento”, un appuntamento con la storia e l’utopia



di Redazione - 9 novembre 2017, 9:00

Sabato 11 Novembre alle ore 16:30 nella Sala Consiliare del Comune di Varazze, l’Associazione Centro Studi Jacopo da Varagine, in collaborazione con il Comune di Varazze e l’Assessorato alla Cultura organizza un appuntamento con la storia e con l’utopia; la conferenza “Da Varazze al Mondo: l’itinerario di Lelio Basso nel Novecento”.  A parlare di Lelio Basso sarà Giancarlo Monina, docente di Storia contemporanea all’università di Roma Tre e Segretario generale della “Fondazione Lelio e Lisli Basso” che nei suoi scritti ha fornito una approfondita ricostruzione dell’’itinerario politico dell’insigne giurista. E’ del 2016 il suo volume “Lelio Basso, leader globale” Sottotitolo: Un socialista nel secondo Novecento.

Il 25 Dicembre 1903 nasceva a Varazze Lelio Basso destinato ad entrare nella storia della Repubblica Italiana come uno dei 75 parlamentari   a cui fu affidato il compito  di scrivere la Costituzione che sempre considerò la fonte primaria dei diritti civili.

Nel 1989 la sua città natale gli ha dedicato una lapide che si trova in località Arzocco e lo ha ricordato nel 2003, nel centenario della nascita, con un Consiglio Comunale aperto in cui intervennero i familiari e i membri della Fondazione da lui creata con la moglie.

Due lauree, in Giurisprudenza (la sua qualità di avvocato penalista era nota in tutta Europa) e in Filosofia e un’utopia: estendere universalmente il socialismo, obiettivo per il quale lavorò tutta la vita.

Fondatore del Partito Socialista di Unità Proletaria fu deputato dal 1946 al 1968 e senatore dal 1972 al 1976 nelle file del Partito Socialista.

Creò e scrisse per numerose pubblicazioni internazionali e la sua vita fu una miscela di attività e ricerca intellettuale unita alla volontà di trovare uno strumento politico efficiente a garantire l’uguaglianza tra i cittadini, come ricorda l’articolo 3 della Carta Costituzionale Italiana da lui tenacemente voluto.

Tra i suoi libri più importanti:

“Due totalitarismi: fascismo e Democrazia Cristiana” (1951)

“Il principe senza scettro” ristampato nel 1998

“Neocapitalismo e sinistra europea” (1969)

“Scritti sul Cristianesimo” uscito postumo nel 1983

Morì a Roma il 16 dicembre 1978 e le sue ceneri sono custodite nella tomba 31 del Cimitero Monumentale di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *