Musica

Dal 6 all’8 luglio prima edizione dell’Anciùa Festival

Da venerdì 6 a domenica 8 luglio 2012, lo Scaletto dei pescatori alle Fornaci sarà la sede della prima edizione dell’Anciùa Festival, 3 giorni di festa dedicati alle acciughe del Mar Ligure: cibo, parole e suoni mediterranei. L’evento è ideato dal Comune di Savona, attraverso l’Assessorato al Decentramento e l’Assessorato al Turismo, e organizzato insieme alla Società di Mutuo Soccorso Fornaci, l’Associazione Amici dello Scaletto Furnaxi, la Cooperativa La Calla, con Radio Savona Sound media partner e la collaborazione di Conadcity. Gli stands saranno attivi presso lo scaletto e la SMS Fornaci; dapprima con l’aperitivo con acciughe dalle ore 18, a seguire cena con piatti tipici a base di acciughe e non solo presso il ristorante La Calla “Giardino Serenella” (prenotazioni allo 019.801165).

Nei tre giorni della festa, tutte le mattine alle ore 10,00 si terrà un originale corso di salagione delle acciughe, per imparare a fare le alici sotto sale (prenotazione 349.2382382 – 347.9606408) tenuto da pescatori fornacini, un’occasione unica per imparare una tradizione mediterranea millenaria.  Ci sarà poi anche un programma di intrattenimento musicale, in particolare sabato 7 luglio avremo Sergio Pennavaria in concerto alle ore 21,30, mentre domenica 8 luglio sempre alle 21,30 ci saranno letture sul tema con i Cattivi Maestri. Sottolinea l’Assessore al Decentramento Sergio Lugaro “E’ una iniziativa semplice ma di grande importanza che valorizza un quartiere e una spiaggia storica di Savona premiata anche quest’anno con la Bandiera Blu, sui temi del mare che caratterizzano una parte importante della città”. L’Assessore al Turismo Paolo Apicella afferma “Le nostre tradizioni della dieta mediterranea godono di grande interesse a livello nazionale ed internazionale. L’Anciùa Festival può davvero diventare un appuntamento di rilievo dove parlare delle nostre acciughe da tutti i punti di vista, culturale, letterario, artistico, ambientale oltre che, ovviamente, culinario”.

Angelo Damiani

Comment here